Non saranno certamente le difficoltà frapposte dal Comune di Lecce ad ostacolare la prosecuzione della raccolta delle firme a sostegno della richiesta per fare del Circolo tennis un parco a verde attrezzato. Una petizione che sta registrando un vasto consenso tra i leccesi i quali spontaneamente stanno apponendo la loro firma sul testo della petizione al sindaco. Ne da comunicato il  promotore dell’iniziativa Gigi Pedone

Nei giorni scorsi prima la Lega per i diritti del Cittadino e successivamente la Uisp hanno richiesto al sindaco di procedere al recupero della morosità maturata dal sodalizio, intimando anche la rescissione della convenzione in essere per morosità persistente. Ed è pertanto sorprendente l’arroganza del primo cittadino di Lecce, che continua, come se nulla fosse intervenuto, a giocare nei campi di una struttura che ha un grosso contenzioso con il comune. Di cui Paolo Perrone ne è il Sindaco. Colui il quale dovrebbe verificare se gli uffici preposti al recupero del credito vantato nei confronti del Circolo tennis, abbiano fatto quanto la legge loro impone.
Che l’arroganza sia un tratto distintivo dei potenti non è cosa che apprendiamo adesso poiché è vecchia come la professione della prostituzione. Che si continui a profittare di una condizione di privilegio, è proprio un tratto tipico della “borghesia compradora”, che nella nostra città è un ceto sociale che tarda a morire, lasciano il passo alla borghesia intraprendente, quella che facendo il proprio interesse fa anche un interesse più generale. Che il sindaco della nostra città voglia continuare ad appartenere a quel primo gruppo è un fatto suo. A noi compete solo rilevare che egli, come tutti noi, non può mettersi al di sopra delle leggi e del buongusto.

Ecco perché, sabato 5 marzo, dalle ore 17 alle ore 20, continueremo a raccogliere le firme in piazza Sant’Oronzo; mentre domenica 6 marzo proseguiremo ad effettuare il volantinaggio nella medesima piazza e raccoglieremo le firme presso l’apposito stand che sarà installato in piazza Castromediano. Nello stand sarà installata una mostra fotografica insieme a tutti gli articolo apparsi sulla stampa locale nel corso di questi giorni, articoli che trattano la scabrosa vicenda del Circolo tennis.
Vi aspetteremo in tanti ai nostri banchetti, convinti che la volontà dei cittadini, rimuoverà ogni ostacolo e ogni resistenza rispetto ad una soluzione ragionevole che abbiamo indicato per le aree del circo tennis e dell’ex Carlo Pranzo: un grande parco attrezzato per tutta la città.

                                                                                Gigi Pedone, Comitato Promotore della petizione

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

18 − 16 =