“Quella sui Consorzi di Bonifica è una riforma che non riforma. Per questo in Commissione abbiamo votato contro”. Lo dichiara in una nota il capogruppo del Pdl alla Regione Puglia, Rocco Palese.

“Dopo sei anni di tentativi – dice Palese – la maggioranza di centrosinistra ha licenziato un DDL che non innova e, soprattutto, non affronta il problema dei problemi, ossia quello della situazione debitoria dei Consorzi. Nonostante in questi mesi nel corso della discussione siano stati recepiti alcuni nostri emendamenti tendenti a rendere più stringente il controllo sui Bilanci dei Consorzi e a consentire l’indebitamento solo per gli investimenti, a ridurre da 20 a 5 i componenti dei Consigli di Amministrazione , riteniamo che questo DDL non sia sufficiente a garantire gli agricoltori. Chi paga i debiti dei Consorzi? Come si fa ad evitare che gli agricoltori continuino a pagare per servizi che non gli vengano erogati? E chi ci garantisce che i debiti dei Consorzi non ricadranno sugli agricoltori? Nessuna di queste domande trova risposta nel DDL approvato che, quindi, a nostro avviso non può in alcun modo essere considerato una “riforma”. Dopo due legislature e sei anni di discussione, Giunta e maggioranza potevano senza dubbio produrre qualcosa di più utile”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

19 − 17 =