Tuglie in festa per la Madonna dell’Annunziata che giunge quest’anno alla 261° edizione. Infatti, l’origine si ritiene databile intorno al 1750, quando furono completati i lavori di costruzione dell’attuale chiesa e la stessa fu dotata di arredi e statue, compresa quella della patrona.

L’Annunziata di Tuglie ha un suo fascino particolare perché è la prima festa patronale di primavera ed una delle più importanti per la sua storia centenaria. Quando arriva la festa i tugliesi si fermano, giungono gli emigranti e gli studenti ritornano dalle loro città di studio. Tutto il paese converge verso il centro storico, unico palcoscenico illuminato da parature imponenti, grazie alle luminarie L. C. D. C. (Luminarie Cesario De Cagna) di Giuseppe De Cagna e Fratelli da Maglie. A rallegrar ancor di più lo scenario sono le colorate bancarelle con i loro simpatici venditori e i profumi inebrianti della “cupeta”, della “scapece”, delle “nuceddre” e degli “zozzi”. La festa dell’Annunziata è anche la prima occasione ufficiale per gustare la “banana con panna”, gelato a forma di banana al gusto di fiordilatte e cioccolato, arricchito di meringa all’italiana e granella di mandorle tostate. La banana gelato va gustata dopo aver partecipato ad una funzione religiosa in onore della Madonna. Quest’anno la festa ritorna alla sua antica importanza grazie a luminarie, concerti bandistici e fuochi pirotecnici di prima qualità. La festa dell’Annunziata è molto sentita dal popolo tugliese. Una tradizione che sopravvive alla modernità e diventa un’attrazione per un’atmosfera unica, colma di fede; uno spettacolo di luci, di colori, di musica e di profumi primaverili che riescono a provocare emozioni e gioia. Una ricorrenza che si ripete nel tempo e che ogni volta ravviva nei tugliesi, anche in quelli che vivono lontano, la fede, la devozione, i ricordi. Una festa che rappresenta in tutto il Salento, la prima festa di primavera. E’stato e sarà sempre così.

INTORCIATA DELL’ANNUNZIATA  e  SPETTACOLARE ACCENSIONE
“LUMINARIE CESARIO DE CAGNA”
SABATO  26  MARZO  2011
ORE  19.00
PIAZZA  GARIBALDI

Alle 18, il suono festoso delle campane annuncia l’inizio della messa, preludio della tradizionale “Nturciata te la Nunziata” che si snoda dalla chiesa matrice alle 19. Il suonatore “te tamburu” apre la processione alla quale partecipano le associazioni religiose e civili, con le Confraternite delle Anime e di San Giuseppe nei loro abiti e gonfaloni tradizionali. A precedere la statua “te la Nunziata” sono quelle di Sant’Antonio delle Grazie e di San Giuseppe scortate da funzionari di Polizia, Aeronautica e Guardia di Finanza. Il suono trionfale delle trombe accompagnano l’emozionante uscita della statua della Madonna Annunziata, accompagnata da un caloroso applauso dei fedeli, dallo sparo dei fuochi pirotecnici, dal suono della sirena, mentre dai balconi vengono lanciati bigliettini votivi. Il simulacro è scortato dai Carabinieri in picchetto d’onore, addobbato di fiori ed arricchito di preziosi gioielli ex-voto. La processione, che percorre le strade di Tuglie addobbate di festoni, ghirlande, fiaccole e bandierine, giunge in piazza Garibaldi, in tarda serata, dove la statua è accolta dal canto dell’Ave Maria, mentre il sindaco consegna le chiavi della città.

Appena la Madonna varcherà la soglia del portone, all’uscita della processione, si accendono le artistiche luminarie della ditta

L. C. D. C. – Luminarie Cesario De Cagna di
Giuseppe De Cagna & Fratelli – Maglie (Le)

che hanno realizzato un’artistica spalliera ed un tunnel alto 18 metri con lampadari e tende a led.

Dopo nove anni, le Luminarie Cesario De Cagna di Giuseppe De Cagna e Fratelli, ritornano ad illuminare il centro cittadino di Tuglie, in occasione della festa patronale. Questo, se così possiamo definirlo, è un vero e proprio evento nell’evento. Per chi conosce la storia e la tradizione tugliese, soprattutto per gli abitanti dei paesi limitrofi, l’Annunziata, fino a qualche anno fa, era sinonimo di “batterie” e di luminarie, De Cagna naturalmente. L’edizione 261° segna, indiscutibilmente, questo evento.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

venti − 14 =