Un ”urgente incontro col Presidente del Consiglio”. E’ quanto chiedono i parlamentari del Pdl che aderiscono a Nuova Italia, presieduta dal Sindaco di Roma Gianni Alemanno, e che oggi si sono riuniti nella sede della Fondazione, dopo le dimissioni di Alfredo Mantovano da sottosegretario all’Interno.

”Tali dimissioni – si legge in una nota – dipendono da una ineguale e iniqua ripartizione dei clandestini arrivati da gennaio sulle coste di Lampedusa; si parla di ‘clandestini’ e non di profughi perchè l’accordo raggiunto nella serata di ieri dal Governo con le Regioni e con le autonomie riguarda coloro che si prevede possano arrivare in Italia a seguito della crisi libica, non i tunisini che sono sbarcati finora”. I partecipanti all’incontro concordano ”sul fatto che, come auspicato dal Capo dello Stato, la ripartizione degli immigrati, qualunque sia la loro qualifica, e quindi iniziando da quelli già arrivati, avvenga in modo proporzionato in tutto il territorio nazionale, e ricordano che non possono essere esclusivamente riversati – come invece è accaduto e sta accadendo – su regioni, come la Sicilia e la Puglia, che finora, anche in epoca non di emergenza, hanno subito il peso maggiore. Tutto ciò – conclude la nota – deve cominciare dai 2300 clandestini tunisini già partiti da Lampedusa per il porto di Taranto”.

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.