”Non comprendiamo la motivazione dell’avvocato De Jaco a querelare la nostra casa editrice e la scrittrice Mariella Boerci”. Lo afferma in una nota il direttore editoriale della casa editrice trevigiana Edizioni Anordest, Mario Tricarico, in relazione alla querela presentata dal legale

in nome di Cosima Serrano, moglie di Michele Misseri. ”Quello che maggiormente ci stupisce – aggiunge – e’ che De Jaco doveva essere nostro ospite per presentare il libro ‘La bambina di Avetrana”’, questa sera a Galatina, ”contesto nel quale anche promuoveremo la borsa di studio che abbiamo istituito in collaborazione con il Telefono rosa in memoria di Sarah Scazzi contro la violenza sulle donne”.
Sabato 19 marzo alle 19,30, infatti, presso la sala Caffè 1861 all’interno  del Festival della cultura di Galatina l’ex avvocato di Michele  Misseri, Daniele Galoppa, e l’avvocato di Cosima Serrano Misseri,  Franco De Jaco avrebbero dovuto trattare il caso di Sarah Scazzi assieme alla  giornalista Mariella Boerci, autrice di “La bambina di Avetrana”  (Ed. Anordest), libro da cui è per l’appunto nata la borsa di studio patrocinata  dal Telefono Rosa “In memoria di Sarah Scazzi – Contro la violenza  sulle donne”.
”Il nostro libro e’ uscito a dicembre dell’anno scorso, ci stupisce che proprio ora – conclude Tricarico – nasca questa inutile polemica dopo che la borsa di studio legata alla pubblicazione sta vedendo un successo nella sensibilizzazione alla tematica e un numero di scuole intenzionate a  partecipare sempre crescente. ”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due × 1 =