“Per il Mezzogiorno, il voto di ieri alla Camera rappresenta un momento di grande preoccupazione”. Il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Onofrio Introna, torna sul sì di Montecitorio al federalismo municipale, “a colpi di maggioranza”.

“Si è aperta una fase storica nel nostro Paese che se non fermata con un sussulto di responsabilità che attraversi le forze politiche dal centrosinistra al centrodestra, purtroppo farà pagare i danni alle famiglie del Sud, ai giovani, agli anziani, alle donne, abbandonati a se stessi, ad una nuova emigrazione, alla fame inappagata di un lavoro, alle industrie che delocalizzano e con i servizi sociali azzerati dall’impoverimento delle finanze comunali o garantiti a costo di sacrifici da parte dei contribuenti meridionali”.
“Questa ottusa sordità del governo centrale – osserva Introna – viene letta dalla società del Mezzogiorno come un’ingiusta penalizzazione, una pesante sconfitta dalla gente del Sud, una punizione consumata sull’altare dell’egoismo del lega e dell’autoconservazione di un governo che da mesi e mesi parla il linguaggio degli interessi del suo capo, dando sempre più l’idea di aver lasciato il Paese al suo destino”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

18 − 10 =