Domenica notte un gruppo di malfattori ha fatto irruzione presso un’abitazione di Vernole, dove era in corso una festa, e aggredito i ragazzi presenti con spranghe e catene. Uno dei giovani e’ stato gravemente ferito al volto, riportando serie ferite alla faccia e alla testa, ed e’ stato ricoverato

al Reparto Chirurgia plastica dell’Ospedale di Brindisi. I carabinieri, dopo avere ascoltato i testimoni, hanno identificato ed arrestato il piu’ violento dei facinorosi, artefice delle ferite al volto del ragazzo. Si tratta di Andrea Cafiero, di 20 anni incensurato di Lecce.

Dagli accertamenti e’ emerso che un gruppo di circa 15 malintenzionati, con alla testa Cafiero, si erano presentati alla festa aggredendo, prima verbalmente poi con violenza, i presenti, minacciati anche con catene e mazze ferrate. Quando qualcuno ha chiamato i carabinieri, gli “abusivi” sono fuggiti, e all’esterno dello stabile, Cafiero ed un giovane in corso di identificazione, hanno picchiato con una catena ed un bastone metallico due ragazzi, P.G. 20enne e M.M.19enne, entrambi di Vernole.
I due giovani, violentemente percossi, hanno riportato, soprattutto il 20enne, gravi lesioni al volto e alla testa, che ne comportavano l’immediato ricovero all’Ospedale di Brindisi. Finito il “raid punitivo”, i malintenzionati si sono dileguati.
Per tutta la notte sono stati interrogati dai carabinieri, decine di ragazzi ed adulti presenti ai fatti, giungendo, nel pomeriggio di domenica, all’identificazione certa di uno dei due violenti: Cafiero Andrea.
Inoltre – stando ai racconti dei testimoni – già nelle scorse settimane, Cafiero aveva avuto una lite brandendo una catena, all’interno di un locale di Cavallino, con uno dei ragazzi presenti alla festa dell’altra sera, promettendo una vendetta che non è tardata ad arrivare.

I carabinieri stanno indagando per identificare gli altri partecipanti all’aggressione.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.