{youtube width=”400″ height=”300″}C-oCUkP-2E8{/youtube}

Breve nevicata a Lecce, dove da diversi giorni il maltempo non dà tregua. La neve mischiata al ghiaccio ha colto di sorpresa i leccesi che hanno assistito quasi increduli all’evento. E intanto il maltempo non si placa, pioggia e neve sono previste infatti su tutta Italia.

 

Il Servizio meteorologico dell’Aeronautica militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia. Situazione: l’Italia e’ interessata da un flusso d’aria molto fredda proveniente dai Balcani e accompagnata da forti venti. Tempo previsto fino alle 7 di domani. Nord: sereno o poco nuvoloso sulle zone alpine; parzialmente nuvoloso su nord-est, Romagna e Liguria; nuvoloso sul resto del nord con possibili deboli e sporadiche nevicate sulle zone subalpine del Piemonte e della Lombardia; tendenza a generale miglioramento nel corso del tardo pomeriggio-sera. Centro e Sardegna: sulle regioni tirreniche e sulla Sardegna cielo sereno salvo temporanei addensamenti sulle zone interne e su quelle orientali dell’isola. Nuvolosita’ irregolare sul versante Adriatico e sulle zone appenniniche con possibili deboli e sporadiche precipitazioni, nevose anche a quote collinari, piu’ probabili nell’entroterra abruzzese; tendenza ad un generale miglioramento dalla serata. Sud e Sicilia: nuvolosita’ scarsa e poco compatta su Campania e Calabria tirrenica, salvo temporanei addensamenti in veloce transito; annuvolamenti piu’ persistenti sulla Sicilia tirrenica con possibilita’ di qualche isolato rovescio; nuvolosita’ piu’ estesa sul settore ionico, dalla Puglia alla Sicilia orientale, con annuvolamenti associati a locali rovesci che saranno nevosi a quote collinari.

Temperature: in sensibile diminuzione su tutte le regioni, specie lungo il versante Adriatico. Venti: orientali; forti, localmente molto forti, su Puglia, Basilicata e Calabria ionica; moderati, localmente forti, sulle rimanenti regioni adriatiche, regioni tirreniche, Sardegna e Sicilia orientale; moderati sulle rimanenti regioni. Mari: molto agitato il basso Adriatico e lo Ionio; molto mossi, localmente agitati, i restanti mari.