Grande successo di pubblico e di critica alla festa della Fallas Sueca a Valencia, in Spagna, per la  L. C. D. C. “Luminarie Cesario De Cagna” da Maglie (Le). La notissima azienda di Cesario e dei figli Giuseppe, Ermes, Harry e Boris si è aggiudicato l’ambito ed importante primo premio ex aequo per il maestoso impianto di luminarie realizzato nella manifestazione.

Così come tutte le strutture e le tecniche di realizzazione adoperate dalla ditta De Cagna, la struttura realizzata a Valencia è sempre più ingegnosa e rivoluzionaria, grazie non solo all’utilizzo di una luce pulita e moderna, ma anche e soprattutto all’inventiva degli artisti De Cagna, che non smettono mai di sorprendere, lasciando spazio a grandi imprese d’inverosimile esecuzione.

Una fantascientifica costruzione all’imbocco della quale, con colori e forme eccentriche, si innalzano possenti quattro torri ad altezze crescenti (da 14.10m a 18,10m) verso la parte centrale del frontone, chiusa dalla loggetta più alta (20,60m) a formare l’ipotetica facciata d’un maestoso castello irradiante esclusivamente luce a led.

Al centro, l’apertura d’un traforo luminoso a tre navate ricavato nella forma della volta dalla sovrapposizione di tre circonferenze identiche. Lunga circa 106m (con prosecuzione d’un’elegante spalliera da 23,50m) la struttura è un ideale riferimento al ponte di Einstein-Rosen o cunicolo spazio-temporale, l’idea illusoria sviluppatasi agli inizi del Novecento di un tunnel gravitazionale.

Poste a richiamare l’idea dello spazio siderale, sullo sfondo 3 stelle chiudono i tre cerchi del tunnel accentuandone maggiormente la straordinaria visione prospettica. L’opera è ricoperta completamente sulla facciata da luci blu con richiami del medesimo colore lungo le arcate poste a sorreggere l’intera galleria spaziale, tale scelta cromatica che ben si sposa con il bianco ghiaccio dei panneggi, rende anch’essa l’idea d’uno spazio infinito dove un susseguirsi di sfe-re e gocce tridimensionali rilucenti, presentano l’immagine onirica d’una porta aperta sull’universo.

L’intera opera consta di ben 176632 lampade a led e 147200 microluci. Più avanti ad illuminare e delineare la forma della piazza quattro composizioni oblique (da 19632 lampadine) alte circa 10,00m realizzate con ricchi rosoni concentrici, anche qui il cerchio risulta l’elemento pregnante dell’intera realizzazione, il cosmo, l’infinito, l’idea del soprannaturale. Ad accentuare tale riferimento nelle due strade laterali tre archi a tutto sesto alti 9,50m e larghi 8,40m, posti simmetricamente rispetto allo spiazzo centrale da 10500 lampadine. Specularmente al tunnel precedentemente descritto si dipana lungo il secondo tratto di strada della Falla Sueca, una lunga galleria formata dal ripetersi cadenzato di 12 archi a led che prosegue per circa 124,00m concludendosi con un frontone alto18,00m. Complessivamente realizzata con 37674 lampadine, anche questa istallazione segue lo stile della prima, dando sfogo a colori e forme di nuova sperimentazione, fungendo così non solo da monumentale ingresso per arrivare gradualmente verso l’opera mastodontica del tunnel, ma anche da sfondo, guardando l’intero allestimento dall’entrata principale, dove l’occhio viene automaticamente guidato verso il più lontano punto di fuga, alimentando il concetto di piani e spazi infiniti.

Dichiarazione di Giuseppe De Cagna.

“Un traguardo importante, una conferma ulteriore al lavoro di squadra che da tanti anni, ormai, lega la L. C. D. C. “Luminarie Cesario de Cagna”,  sull’onda della tradizione e dell’innovazione. Questa luce differente che ci ha portati a realizzare, per l’intera comunità di Valencia, una struttura innovativa che ha suscitato l’interesse non solo dell’intera comunità, ma anche dei tanti turisti e dell’intera giuria che ha decretato la nostra azienda vincitrice dell’ambito riconoscimento. Una struttura innovativa ma anche sensazionale e capace di creare forti emozioni, soprattutto attraverso la struttura del tunnel spazio-temporale che ha di fatto creato l’idea di un altro mondo, in cui l’inesorabile tempo sembra prendere un percorso diverso, differente.  Un progetto grandioso che ha unito a sé anche cromaticità ed intensità rendendo il tutto, quasi e paradossalmente, irreale. Ricevere il primo premio per noi è davvero importante. Non solo per la valenza che lo stesso ha ma, soprattutto, per il fatto che per noi, essendo ancora al secondo anno, era molto lontano giungere a questo traguardo con la presenza, a Valencia, di altre aziende a livello mondiale che sono presenti, in questa manifestazione, da più di dieci anni”.

Qui il video della spettacolare accensione:

http://www.youtube.com/watch?v=FFtTqvn0ctQ&feature=autofb

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.