{youtube width=”400″ height=”300″}zNgCrN7c93U{/youtube}

Si è svolta ieri mattina, presso la sede romana della Regione Puglia, la conferenza stampa di presentazione della XII edizione del Festival del Cinema Europeo, che si terrà a Lecce dal 12 al 16 aprile. Il Festival – diretto da Cristina Soldano e Alberto La Monica – anche quest’anno offrirà al pubblico

e agli addetti ai lavori film in anteprima nazionale, eventi speciali, mostre fotografiche
Tra i partecipanti, l’attore e regista Carlo Verdone. Infatti, tra gli eventi e le manifestazioni in programma, il Festival proporrà la seconda edizione del Premio dedicato a Mario Verdone (il padre di Carlo, ndr), premio che verrà consegnato a un giovane autore che si è contraddistinto nel panorama dell’ultimo anno cinematografico con un’opera prima o seconda, il 16 aprile in chiusura  del Festival. La giuria sarà composta da Carlo, Luca e Silvio Verdone. Tre gli autori tra i quali sarà scelto il vincitore di questa seconda edizione:
1)    Aureliano Amadei per 20 SIGARETTE (2010), opera prima
2)    Claudio Cupellini per  UNA VITA TRANQUILLA (2010), opera seconda;
3)    Paola Randi per INTO PARADISO (2010), opera prima.
Carlo Verdone, intervenendo durante la conferenza stampa ha ricordato come il padre Mario sia sempre stato molto attento nell’individuare artisti di talento non solo nel Cinema ma nel mondo dell’arte in generale.

Tra gli ospiti anche Sandra Milo, protagonista di uno dei film che verrà proiettato in anteprima, W Zappatore, di Massimiliano Verdesca.
Il sindaco di Lecce, Paolo Perrone, è tornato a sottolineare l’importanza di queste manifestazioni.

«Riscoprire la bellezza del cinema come arte». È stato il commento ai nostri microfoni di Carlo Verdone.

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.