Tre studenti della provincia, che occupavano altrettanti appartamenti nel capoluogo, non hanno fornito alla Guardia di Finanza le dovute informazioni richieste attraverso l’invio di appositi questionari.

In questo modo, hanno violato quanto previsto dalla normativa fiscale in tema di accertamento delle imposte dirette e, di conseguenza, sono stati segnalati alla competente Agenzia delle Entrate per l’irrogazione della sanzione amministrativa prevista che può arrivare fino ad un massimo di 2.065 euro ciascuno.

Sebbene l’interesse principale degli Investigatori non fosse rivolto agli inquilini, bensì ai proprietari degli immobili concessi in affitto, i Finanzieri, nell’ambito dell’attività investigativa, hanno inviato un questionario agli inquilini studenti, al solo fine di avere dettagliate informazioni sull’ammontare e le modalità di corresponsione dei canoni.

Al termine del controllo sono stati sanzionati, così come previsto dalle norme fiscali, anche gli inquilini che non hanno adempiuto all’obbligo di rispondere ai questionari, precedentemente loro inviati, non fornendo in tal modo importanti notizie per la verifica del corretto adempimento dei doveri fiscali, da parte dei rispettivi locatari di immobili.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

7 − due =