Lunedì 21 marzo: arriva la primavera, e sarà una “Primavera di occhi”. Perché alla Galleria Maccagnani di corso Vittorio Emanuele a Lecce si inaugura la mostra di Eleonora De Giuseppe, in arte “La Pupazza”: così si autodefinisce la giovanissima pittrice di Tricase.

Più che una pittrice, un’artista a 360 gradi; più che quadri, opere di indefinibile energia che Eleonora sforna quasi a getto continuo, in un continuo impeto creativo, trasformando il mondo in un universo di colori e suoni dove non c’è spazio per la malinconia. Un vortice che ti rapisce e ti proietta nel magico mondo di Eleonora, dove tutto viene filtrato dai suoi occhi: anzi, dal suo Occhio, firma e insieme marchio di fabbrica che connota tutte le sue opere. Non solo quadri, ma anche coperte e murales, magliette e specchi, personalizzati col pennello o con le bombolette spray: perché tutto può diventare esplosione di colore, nelle mani della “Pupazza”: grazie alla sua ispirazione un po’ pop art, un po’ street-art che strizza l’Occhio (ancora lui) alla psichedelia e al cubismo; e molto, molto anche a Eleonora. Perché Eleonora non si può definire, anzi sì: “A soli 25 anni Eleonora De Giuseppe ha introdotto uno stile pittorico personale che sorprende nella sua semplicità complessa”, scrive infatti “Ld Magazine” a proposito di una sua mostra a Zurigo.
In due anni un’autentica escalation, per le opere della “Pupazza” arrivata da Tricase al Dams di Bologna: marzo 2009 Galleria Maccagnani- Lecce, agosto 2009 Otranto, ottobre 2009 Galleria Shadow di Dusseldorf (Germania), novembre 2009 Galleria Arkaden –Aachen di Aquisgrana (Germania), aprile 2010 Galleria Fiumano Fine Art di Londra, novembre 2010 Kunsthaus Tacheles  di Berlino. E da lunedì il cerchio si chiude, almeno per ora: 21 – 30 marzo 2011 Galleria Maccagnani di Lecce. Con il suo marchio di sempre: l’Occhio, anzi una “Primavera di occhi”.

 

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due × 4 =