“Perrone non si innervosisca, non è Rotundo ad essere contrario al rondò intorno alla Villa Comunale ma tutto il Pd e forse – da quello che abbiamo verificato ieri dove in appena 2 ore abbiamo raccolto 400 firme – la maggioranza dei cittadini leccesi.” Replica così Fabrizio Marra, Segretario cittadino PD Lecce, al Sindaco Perrone sulla vicenda della Villa Comunale.

“Invece di accusare il Pd di strumentalizzare i problemi, il primo cittadino farebbe meglio ad ascoltare la città prima di decidere, perché come nel caso della scuola di Piazza Partigiani anche in questo caso la Giunta sta prendendo un grosso abbaglio e sarà costretta a fare marcia indietro, trovandosi davanti ad un dissenso diffuso.

E’ semplicemente incredibile che Perrone offenda in questo modo i leccesi che secondo lui sarebbero incapaci di pensare con la propria testa, e fa finta di non ricordare che 76 genitori del Cesare Battisti lo hanno diffidato ad adottare provvedimenti per abbattere il PM10 a tutela della salute dei loro bambini, altro che strumentalizzazioni del Pd.

Sta ripetendo lo stesso errore commesso con il Comitato di Piazza Partigiani e ciò dimostra la sua incapacità ad ascoltare i suoi concittadini.

Per queste ragioni, affinché il Sindaco si possa rendere conto di cosa pensano le persone in carne ed ossa lo invitiamo domenica prossima ad una assemblea pubblica in Villa, così i cittadini – in modo democratico – potranno ascoltare sia le proposte della Giunta che quelle del Pd.

Da parte nostra continueremo la petizione e siamo convinti che le firme siano destinate a crescere in modo esponenziale.”