Verrebbe quasi da dire, <<dalla Cina con furore>>, ecco a voi la medaglia di bronzo dei mondiali di Kung Fu-Sanda Andrea Ferreri. Ebbene sì, il ragazzo di Noha  torna nella sua Galatina al termine della nota competizione continentale tenutasi ad Hong kong.

La conquista del prestigioso terzo posto in quello che rappresenta il massimo evento sportivo per le arti marziali cinesi, inorgoglisce  tutto il Salento e in particolare il DS della polisportiva Zen Shin Antonio Buono, premiato con la targa di miglior coach della competizione iridata. Il maestro galatinese  traccia gli obiettivi agonistici del ragazzo: << il prossimo match di Andrea è previsto nel mese di giugno a Parigi per l’ Euro Liga; al momento ci godiamo il risultato storico appena conseguito. La manifestazione mondiale si ripete una volta l’ anno e tra due edizioni, l’ evento avrà luogo a Vercelli; in prospettiva, uno stimolo in più per impegnarci a far meglio>>.
Un bronzo che vale come un oro per il giovane Ferreri, unico atleta italiano nella categoria dei 56 kg tra una moltitudine di orientali. Dopo le prime scalate al vertice, il diciottenne salentino ha dovuto cedere solo in semifinale dinanzi al beniamino di casa e principale favorito al titolo; atleta cinese sconfitto poi nella finalissima a causa dei traumi all’ arto inferiore sinistro infertigli dal granitico salentino. Un successo che affonda le sue radici nel ’98, quando il piccolo Andrea a soli 5 anni, prende confidenza con la nobile pedana del Sanda; un quadrato rialzato privo di  corde che racchiude l’ essenza dell’ antica arte cinese, basata sul rispetto delle regole e dell’ avversario. Appena tre anni dopo, il giovanissimo talento inizia l’ attività agonistica sotto la guida dell’ arguto fruitore di talenti Antonio Buono, selezionatore da circa un anno, della nazionale italiana di Sanda (combattimento libero cinese) e maestro della medesima disciplina insieme a quella della Muay Thai.  La carriera sportiva del piccolo grande Andrea è proseguita con i precoci risultati ottenuti a livello nazionale, fino ai trionfi dei campionati europei a Pisa lo scorso novembre. Il resto è storia appena scritta dal sorprendente Ferreri che, a soli 18 anni, rappresenta già passato, presente e futuro del kung fu-Sanda sul panorama intercontinentale. Oltre alle doti innate di puro combattente, Andrea ha saputo unire dedizione e spirito di sacrificio, valori inculcati dalla saggezza di maestro Buono il quale vanta una polisportiva composta da 300 tesserati. Un alveare di talenti capace di esportare il marchio galatinese oltre i confini europei e, in tal caso, paventare l’ idea di scavalcare le antiche muraglie cinesi.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.