Picchiata e rinchiusa a chiave dal fidanzato convivente, alla fine intervengono i carabinieri che fanno scattare gli arresti per l’uomo. È la disavventura capitata a una giovane donna ieri pomeriggio a Nardò, in provincia di Lecce.

 

I carabinieri hanno arrestato il responsabile, C.R., 22 anni, con le accuse di sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia. Ad avvisare i militari e’ stata la madre della vittima che era stata chiamata al telefono raccontando di essere stata picchiata e rinchiusa in casa dal fidanzato senza possibilita’ di uscire. Quando sono giunti sul posto i carabinieri hanno accertato che era li’ da due ore e piangeva senza che nessuno potesse sentirla. La porta di ingresso era chiusa dall’esterno. Per questo hanno deciso di sfondarla.

Al Pronto Soccorso i medici le hanno riscontrato lesioni giudicate guaribili in qualche giorno. L’uomo ora si trova in una cella di Borgo San Nicola

CONDIVIDI