“Ad un anno dalle elezioni regionali di Puglia, voglio confermare  il mio impegno personale, unitamente a quello del Gruppo Udc, sottoscritto in campagna elettorale con il Forum delle famiglie, a promuovere un progetto culturale ampio e articolato in favore della famiglia”.

È quanto affermato dal presidente del Gruppo Udc alla Regione Puglia, Salvatore Negro che un anno fa, insieme ad altri 400 candidati in tutta Italia sottoscrisse il manifesto del Forum delle famiglie.

 

“Pur nella posizione di forza di opposizione – ha sottolineato il capogruppo Udc – in questo anno il nostro impegno si è concentrato in particolare sulla questione dei Consultori familiari, portando avanti proposte concrete e sostenendole con interrogazioni,  interpellanze e proposte di legge. Sin dall’insediamento il Gruppo Udc ha proposto la creazione di un intergruppo consiliare aperto per  portare  avanti una analisi approfondita  ed un dibattito costruttivo su tematiche fondamentali per il bene comune, a partire dai valori irrinunciabili come la tutela e la promozione della famiglia così come costituzionalmente definita o come il rispetto della vita umana dal concepimento al suo termine naturale, la tutela della maternità, la libertà di educazione  o l’attenzione all’azione dei corpi intermedi della società civile, nel rispetto del principio di sussidiarietà e di solidarietà. A tal proposito abbiamo condiviso la posizione espressa  a suo tempo da mons. Cosmo Francesco Ruppi sull’apertura di un tavolo di confronto tra istituzioni, mondo del volontariato, associazioni delle famiglie, operatori sanitari e ordini professionali, dove discutere di Consultori familiari e aborto”.

“Facendoci portavoce delle istanze del Forum delle famiglie – ha continuato il presidente Negro – abbiamo rivendicato la dimensione di forte integrazione socio-sanitaria dei servizi erogati dai consultori familiari, contrastando anche la decisione del Governo regionale di escludere i medici obiettori dagli stessi consultori”. “In particolare abbiamo condiviso e sostenuto l’idea che i  Consultori familiari non possono essere immaginati come meri presìdi di natura socio-sanitaria ma vanno immaginati e ispirati a principi come quello della sussidiarietà e della solidarietà, in modo che la capacità di dare ascolto e consulenza alle famiglie sia estesa anche ad altri profili di grande interesse per la vita delle stesse famiglie, tra cui, ad esempio fisco e tariffe, scuola, educazione, accesso ai servizi. L’obiettivo, abbiamo sostenuto, è quello di offrire alle famiglie pugliesi una grande opportunità in termini di servizi, consulenza e assistenza relativamente a tutte le aree di interesse per la vita della famiglia e dei suoi componenti”.

“Ma il nostro impegno – ha sottolineato Salvatore Negro – si è incentrato anche sulla la modifica del cosiddetto  “Piano casa” per favorire una politica di edilizia residenziale che preveda, così come avvenuto in altre regioni come Emilia e Toscana, agevolazioni ed incentivi per le giovani coppie che vogliano acquistare la prima casa. Non da ultimo anche l’impegno per gli audiolesi: grazie ad un nostro emendamento alla legge di Bilancio è stato previsto un finanziamento per trasmettere i tg locali in linguaggio LIS. Interventi concreti che vogliamo portare avanti con quello che caratterizza la linea politica del nostro partito di opposizione “responsabile”, aperta al dialogo e pronta a sostenere le iniziative concrete a favore dei cittadini e delle famiglie in particolare”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

5 × 3 =