Intervento del Presidente del Gruppo Udc alla Regione Puglia, Salvatore Negro:“Una società che non investe in cultura è destinata al declino. Regione e province pugliesi reagiscano con forza e in modo compatto alla politica di tagli avviata dal Governo nazionale

e convochino gli “Stati generali della Cultura” per invertire la rotta e riavviare un’opera di tutela e sviluppo del nostro patrimonio culturale che è alla base della identità nazionale italiana”.
Lo ha detto il Presidente del Gruppo Udc alla Regione Puglia, Salvatore Negro.
“Le dimissioni del presidente del Consiglio superiore per i beni culturali e paesaggistici, Andrea Carandini, in polemica con i tagli governativi – ha continuato il capogruppo Udc – impongono una riflessione seria e responsabile da parte della politica, con l’avvio di un dibattito sullo stato del nostro patrimonio culturale. I crolli di Pompei sono solo la punta di un iceberg dello stato di degrado del patrimonio artistico e architettonico italiano e del disinteresse nei confronti della cultura da parte di questo Governo incapace di salvaguardare e investire in questo patrimonio unico al mondo”.
“L’auspicio è che la rinascita possa partire dai singoli territori e dagli Enti che li rappresentano – ha concluso Salvatore Negro – gli “Stati generali della Cultura” possono rappresentare l’avvio di questa nuova fase”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due × due =