Quarto appuntamento della Stagione Sinfonica di primavera 2011 di Lecce. Sul palco del Teatro Politeama Greco, venerdì primo aprile dalle 21, salirà l’Orchestra Sinfonica Tito Schipa eccezionalmente diretta dal maestro Günter Neuhold, direttore austriaco di consolidata fama internazionale

che ritorna nel Salento dopo le performance dedicate a Felix Mendelssohn-Bartholdy della Stagione Sinfonica d’Autunno del 2009. Nell’occasione, inoltre, si esibirà anche il violoncellista Vittorio Ceccanti, l’unico musicista ad aver studiato con Mischa Maisky, David Geringas e Natalia Gutman, considerati i tre maggiori concertisti della celebre scuola di Rostropovich. Non solo Beethoven nel programma ideato dal direttore artistico e principale Marcello Panni: così come nel precedente concerto, infatti, ritorna il compositore russo Aleksandr Borodin con lo schizzo sinfonico Nelle steppe dell’Asia centrale, seguito dal Concerto in si min. per violoncello e orchestra op. 104 di Antonin Dvořák e dalla Sinfonia n. 7 in la magg. op 92 del genio di Bonn, a cui è dedicata l’intera rassegna leccese che sta riscontrando un ottimo successo di pubblico.

LE OPERE – Composto per i festeggiamenti del 25mo anniversario della salita al trono dello zar Alessandro II, con dedica a Liszt, lo schizzo sinfonico di Borodin è uno dei migliori esempi della produzione del “Gruppo dei Cinque”. Una struttura semplice in cui la canzone russa e il canto asiatico si fondono in una sola armonia che si perde nella steppa, un paesaggio senza limiti evocato dalle lunghe note tenute ed in ritmo di marcia. Molto noto anche il Concerto per Violoncello in Si minore di Dvořák, composto nel 1984-1985 ed eseguito per la prima volta dal violoncellista inglese Leo Stern. Considerato l’ultimo concerto del compositore ceco, è riconosciuto anche come uno dei più grandi capolavori in cui è rintracciabile la fusione tra gli elementi popolari americani e la matrice classica europea originaria delle sue composizioni. La Settima Sinfonia di Beethovem infine, fu composta fra il 1811 e 1812, a tre anni di distanza da La Pastorale, e non ha una linea di continuità con le precedenti sinfonie. Composta da quattro movimenti (Poco sostenuto. Vivace, Allegretto, Presto. Assai meno presto, Allegro con brio), questo componimento scritto dal genio del Romanticismo musicale in un’epoca intricata dal punto di vista storico e personale è un vero e proprio tripudio di vivacità, freschezza e solidità.

GLI OSPITI – Austriaco di Graz, classe 1947, Günter Neuhold ha vinto numerosi concorsi di direzione d’orchestra che gli hanno consentito l’avvio di una brillante carriera come direttore dei Wiener Philarmoniker, dei Wiener Symphoniker, dell’Orchestra della Scala di Milano, delle Orchestre Rai di Roma, Torino e Milano. Dal 1972 al 1980 ha ricevuto numerose scritture nella Repubblica Federale Tedesca, dal 1981 al 1986 è stato Direttore Musicale al Teatro Regio di Parma ed ha diretto l’Orchestra Sinfonica dell’Emilia Romagna “Arturo Toscanini”. Negli anni, inoltre, è stato Musikdirektor della Filarmonica Reale delle Fiandre ad Anversa, Direttore Generale della musica all’Opera di Karlsuhe e dal 1995 al 2002 è stato Direttore Artistico e Direttore Generale della musica del Teatro di Brema. Intensa anche la carriera di Vittorio Ceccanti, che dopo aver esordito a 17 anni al Musikverein di Vienna, ha mostrato i suoi virtuosismi nei luoghi più importanti della musica mondiale, dal Concertgebouw di Amsterdam alle principali sale di concerto del Brasile, del Cile e dell’Argentina, dal Maggio Musicale Fiorentino e dal San Carlo di Napoli alla Citè de la Musique di Parigi e al Festival di Lione.

Anche il quarto concerto dell’Integrale delle Nove Sinfonie di Beethoven sarà anticipato da “Beethoven per le scuole”. Si tratta di un progetto che porterà gli alunni di diversi istituti scolastici salentini ad assistere alle prove dell’Orchestra all’interno del Politeama Greco. L’appuntamento è fissato per le ore 11 del primo aprile. Un estratto del programma, infine, sarà replicato sabato 02 aprile (ore 11) al Teatro Modugno di Aradeo, in una lezione-concerto interamente dedicata alle scuole che vedrà protagonisti il maestro austriaco, il violoncellista fiorentino e l’orchestra leccese. Ulteriori informazioni allo 0832.683510

Stagione Sinfonica di primavera 2011

Venerdì 01 aprile 2011 | ore 21 – Teatro Politeama Greco (Lecce)

Direttore: Günter Neuhold
Violoncellista: Vittorio Ceccanti

ALEKSANDR BORODIN
Nelle steppe dell’Asia centrale, schizzo sinfonico
ANTONIN DVOŘÁK
Concerto in si min. per violoncello e orchestra op. 104
LUDWIG VAN BEETHOVEN
Sinfonia n. 7 in la magg. op 92

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due × 3 =