“Provare per credere !”, per chi ha voglia di sperimentare l’ebbrezza di entrare in uno spazio scenico non come pubblico ma come attore. Cosa può esserci di più divertente che dimenticarsi per un po’ della nostra quotidianità e giocare ad essere qualcun altro, in una nuova realtà ?

Attore , che parolone ! Invece , molto più semplicemente , l’attore è colui che riesce a fare qualcosa “di diverso da se” ma con se stesso.
Ma, come in tutte le cose, bisogna studiare partendo sempre dai principi base . Per iniziare questo gioco non c’è limite di età , serve solo la voglia di fare e di giocare con un po’ di coraggio e creatività. Si lavorerà con le proprie potenzialità creative attraverso esercizi pratici tesi ad attivare e sviluppare le competenze di base dell’ attore : presenza fisica, concentrazione , ascolto, relazione, senso dello spazio e del tempo, fiducia, uso della voce.    
Crediamo che il teatro sia il teatro sia il migliore strumento di elevazione spirituale e di educazione culturale a disposizione della società. Ed è proprio per far comprendere alla gente che il teatro è una necessità collettiva, un vero e proprio bisogno dei cittadini che proponiamo questo laboratorio .

METODI E TECNICHE
Metodo accademico di “Stanislavskij – Strasberg”
Le discipline sono: educazione alla voce, dizione, biomeccanica, lavoro sensoriale, improvvisazione, movimento scenico, analisi del testo, tecniche di memoria.
L’obiettivo è di conoscere meglio le proprie potenzialità espressive attraverso l’arte drammatica, sviluppando creatività e sicurezza nello spirito di gruppo.

Durata del laboratorio:
1 SEZIONE dal 15 marzo al 15 luglio per 2 incontri a settimana di 2 ore per incontro.
2 SEZIONE dal 15 settembre  al 15 gennaio  per 2 incontri a settimana di 2 ore per incontro

Gli incontri diventeranno più intensi nell’ultimo mese in quanto  alla fine del laboratorio i partecipanti saranno inseriti in una messa in scena alla quale parteciperanno attori professionisti.

Sede del corso: Il laboratorio si svolgerà nel comune di Poggiardo, presso l’ex asilo infantile, in viale della Repubblica, sede dell’associazione Jump In.

DOCENTE:
Prof. Antonio De Carlo, docente di Teatro presso l’Università di Bari.
Inizia la sua formazione come regista nel 1978 in qualità di aiuto regia per L’Arca di Noè di Britten, con Ugo Chiti, nell’Estate Fiesolana. Nel 1979 è assistente tecnico di Tadzeus Kantor al Cricot 2 a Firenze. Nel 1980 torna nel Salento per dirigere il laboratorio “Otranto 1480” dal quale nascerà lo spettacolo Nell’anno del Signore… 1480. Nello stesso anno costituisce insieme ad altri artisti salentini la Cooperativa Scenastudio, che nel 2008 diviene Associazione culturale. Dal 1981 è autore e regista di numerosi spettacoli teatrali tra i quali: Pinocchio col dito nell’occhio; Lu cuntu te la trippa; Kirie; Histoire du soldat;  Li cunti de lu Pietru Lau; Taci, tocca a me! Dal 2000 al 2006 è responsabile tecnico e direttore del Teatro Comunale Piccinni di Bari. Nel 2004 cura, per conto dell’Associazione dei Comuni della Grecìa Salentina, la regia per le manifestazioni de “I canti della Passione”. Allestisce lo spettacolo nella Grotta della Poesia, a Marina di Roca di Melendugno, dal titolo Poesia nella Poesia con Maria Luisa Bene in occasione della nascita di Carmelo Bene e con musiche composte e dirette dal maestro Libetta. Nel 2006 cura l’allestimento e la regia dell’evento “Le Voci della Passione” organizzato per il Comune di Lecce.

Quota di partecipazione al laboratorio 50 euro al mese.