Lecce diventa un modello di riferimento a livello nazionale. Le politiche adottate dall’Amministrazione Comunale in tema di Project Financing sono state promosse a pieni voti dagli  esperti del settore che si sono dati appuntamento oggi a Lecce per un convegno di livello nazionale.

L’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Lecce, Gaetano Messuti, ha fatto il punto della situazione elencando i progetti – portati avanti da un apposito gruppo multidisciplinare – che hanno fatto leva proprio su questo strumento di finanza innovativa. E’ il caso, ad esempio, dello spazio attrezzato per eventi e manifestazioni in piazza Palio, della realizzazione di un parcheggio nell’area ex Caserma Massa e del relativo recupero urbano, i cui lavori peraltro inizieranno nei prossimi giorni. E ancora: dell’edificio polifunzionale da adibire ad uffici comunali e funzioni direzionali avanzate, un progetto giunto a conclusione con la sottoscrizione della convenzione ma poi interrotto con la revoca della stessa; il Comune sta valutando la possibilità di riavviare la procedura con l’individuazione di un nuovo sito.
Ci sono poi altri progetti ancora in itinere come la realizzazione del porto turistico di S. Cataldo per il quale si sta valutando l’ipotesi di indire una nuova procedura di gara, anche per via del fatto che nel frattempo è giunto un contributo pubblico di 6 milioni  e mezzo di euro.
Tra i nuovi interventi programmati dall’Amministrazione Comunale rientra anche la realizzazione del nodo intermodale e parcheggio di scambio ex Cave di Marco Vito, per un importo stimato di 11 milioni di euro.
Insomma, una serie di operazioni di Project Financing che hanno riscontrato grande apprezzamento da parte degli addetti ai lavori.
“E’ stata confermata – ha commentato con soddisfazione l’assessore Gaetano Messuti – la bontà del percorso amministrativo avviato dal Comune di Lecce e, in particolare, la validità dello strumento del Project Financing, uno strumento fondamentale che consente di realizzare numerose e importanti opere pubbliche, facendo leva sulla partnership pubblico-privata, soprattutto in un momento come questo caratterizzato da una drastica esiguità di risorse economiche. Ma non solo: è stata rimarcata l’efficienza del settore Lavori Pubblici del Comune di Lecce, un settore all’avanguardia da questo punto di vista”.
Il convegno tenutosi questa mattina nell’aula consiliare del Comune di Lecce era intitolato “Project Financing. L’alternativa”.
L’iniziativa  è stata promossa dall’UCSI, Unione Consorzi Stabili Italiani, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Bari e di Lecce, di ANCI Comunicare, ANCE Puglia, Confindustria Puglia, UPI, Ordine degli architetti e degli ingegneri di Bari e di Lecce, Università del Salento, Politecnico di Bari, Osservatorio Banche e imprese.
Sono stati  approfonditi i temi legati al Project Financing. Un’occasione significativa, dunque, per discutere con le amministrazioni, le aziende e gli addetti ai lavori, di quali siano le caratteristiche e le opportunità di uno strumento di finanza innovativa che si pone sempre di più come alternativa necessaria allo sviluppo economico e sociale delle comunità locali.
Oltre all’assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Lecce, Gaetano Messuti, alla tavola rotonda hanno preso parte Fernando De Rossi, Esperto PF, Anci Comunicare, Giacomo Scarfò, Amministratore delegato PRO GEN, Dario Laveglia, Amministratore Unico OSA Quadrifoglio, Andrea Troia, Responsabile commesse A&P, Giuseppe Calogero, Presidente Cybm, Sergio Vaghetti, Responsabile Rischi Speciali In Più Broker e Luigi Cicero, Reponsabile Enti Pubblici In Più Broker.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

7 + due =