Realtà taciuta,
di sorpresa si veste.
Stupore e meraviglia
le dipingono il viso,
sornione sorride
di cotanto immaginato.

Se svelata,
rossore di vergogna la copre
e fuggono gli occhi,
portando a un altro lido.
Bocca non parla,
se non per distrarre,
mente viaggia per altre vie.
Immaginando immense cose,
non osa pronunciarle,
le sussurra silenziose,
e via, si compiace.
Verità taciuta, mai svelata,
sollievo reca, oramai confessata
e forte si apre al sorriso
di un giorno nuovo, proficuo.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.