“Vendola e la sinistra oggi hanno confermato in pieno la loro totale responsabilità politica nella mala gestione della sanità. Vendola limitandosi a ribadire che la sua posizione giudiziaria personale è stata archiviata senza mai rispondere alle nostre obiezioni politiche

e, anzi, ammettendo di aver sottovalutato il peso degli interessi dell’ex assessore Tedesco; la maggioranza e soprattutto il Pd, ammettendo di non aver fatto nulla per cambiare un sistema sanitario completamente fuori controllo; l’assessore Nicastro facendo un distinguo quasi da pm tra inchieste e inchieste”. Lo dichiara il capogruppo del Pdl alla Regione, Rocco Palese.
“Il conflitto di interessi dell’assessore Tedesco, denunciato da Idv e respinto con forza da Vendola nel 2007 era ben noto al Presidente, proprio come la spartizione dei manager della sanità. Non solo dei direttori generali, di cui la Legge stessa affida la nomina alla Giunta, ma anche e soprattutto dei direttori amministrativi e sanitari, selezionati dagli elenchi degli iscritti ai partiti di sinistra, come testimoniano i grafici e le torte pubblicati nel 2005 dalla stampa”.
“I fatti emersi in questi giorni – aggiunge Palese – sono noti al Presidente da tre anni perché egli stesso, da indagato, fu chiamato a rispondere su questi fatti. Ebbene, da allora ad oggi cosa è cambiato? Nulla, nessuna Legge regionale, quasi nessuno di quei manager che risultano pluri – indagati in queste inchieste. Anzi, continuano le spartizioni di posti letto, reparti, primari, manager, presunti controllori che sono nominati o indicati dai controllati. Da garantisti abbiamo sempre detto che non è l’aspetto giudiziario ad interessarci, ma è innegabile che vi siano macroscopiche contraddizioni tra quel che dice il Presidente Vendola e quel che fanno i suoi uomini; tra chi non poteva non sapere e chi invece oggi può consentirsi di dire che non capiva il sistema, non conosceva a fondo coloro che nominava, non sapeva quel che si faceva intorno a lui. Il Presidente Vendola è persona troppo intelligente per poter dire ‘non sapevo’. Ed è persona troppo intelligente per non capire che non ha fatto assolutamente nulla per cambiare un sistema da lui stesso identificato come malato”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quattro + 8 =