I Finanzieri della Tenenza di Casarano e della Brigata di Porto cesareo, hanno portato a termine una ulteriore importante operazione nel settore della sicurezza dei prodotti che ha consentito il sequestro di oltre 1.800 tra capi di abbigliamento, articoli di bigiotteria e cosmetici, non conformi alla legislazione italiana.

L’intervento è stato effettuato l’altra sera, in due distinte operazioni di servizio, finalizzato alla prevenzione nel settore della tutela del mercato dei beni e servizi, presso la due esercizi commerciali di Melissano e Leverano, gestiti rispettivamente da due cittadini di origine asiatica.

Gli oltre 1.800 maglioni, pantaloni, collane, anelli, bracciali, orecchini e cosmetici, per un valore di circa 20 mila euro, sono risultati tutti irregolari in quanto sprovvisti di qualsiasi etichettatura, della descrizione dei componenti del prodotto e delle modalità d’uso, in violazione alla normativa sul consumo.

La merce sequestrata era priva delle prescritte indicazioni dell’eventuale presenza di materiali o sostanze che possono arrecare danno all’uomo, alle cose o all’ambiente; dei materiali impiegati e dei metodi di lavorazione, ove questi siano determinanti per la qualità o le caratteristiche merceologiche del prodotto; le istruzioni e le eventuali precauzioni e destinazioni d’uso, ove utili ai fini di fruizione e sicurezza del prodotto.

In particolare, i cosmetici sequestrati dai Finanzieri, insieme ad altri beni destinati principalmente ad un pubblico femminile, consistevano in prodotti per la cura del corpo confezionati in custodie identiche a quelle utilizzate da note case produttrici nazionali ed internazionali, pronti per essere venduti allo stesso prezzo degli originali.

I responsabili sono stati segnalati al competente Organo amministrativo per violazione alla normativa in materia di sicurezza dei prodotti.

CONDIVIDI