I Militari del Nucleo di Polizia Tributaria di Lecce e della Tenenza di Casarano, nell’ambito di due distinte operazioni di servizio a contrasto del gioco d’azzardo, hanno sottoposto a sequestro amministrativo tre apparecchi da intrattenimento, perché non conformi alle leggi di Pubblica Sicurezza.

I Finanzieri hanno individuato ad Ugento e Guagnano (LE), due esercizi pubblici che detenevano macchinette “slot machine” non in rete, senza le necessarie concessioni ed autorizzazioni previste dalla normativa vigente.

A seguito dei due accessi, i Militari hanno proceduto al sequestro di ben 3 apparecchi da intrattenimento. Due dei quali risultavano chiaramente manomessi attraverso l’installazione di una scheda di gioco differente rispetto a quella indicata nella richiesta di conformità a suo tempo presentata all’A.A.M.S..

Uno dei responsabili è stato segnalato all’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato, per violazione alle norme di Pubblica Sicurezza, mentre l’altro esercente è stato denunciato a piede libero per gioco d’azzardo.

Oltre al sequestro amministrativo dei videogiochi illegali, i Finanzieri hanno, altresì, provveduto alla contestazione della sanzione amministrativa, che va da 1.000 a 6.000 euro per ciascuno degli apparecchi sottoposti a sequestro, anche ai proprietari e/o installatori degli stessi videogames.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

13 + 12 =