Promossa e realizzata dall’ordine degli Psicologi Regione Puglia, arriva la “settimana del benessere psicologico in Puglia”. Dal 4 al 10 aprile 2011 saranno aperti alla cittadinanza degli studi professionali per consultazioni e consulenze gratuite per l’intera settimana; si potrà usufruire di interventi psicologici

gratuiti da parte dei Centri Clinici delle Scuole si Specializzazione in Psicoterapia durante tutta la settimana; molti saranno, inoltre, i convegni e i seminari organizzati da parte di singoli colleghi o associazioni sui vari ambiti di applicazione della Psicologia. Infine verrà promosso e distribuito materiale informativo sull’iniziativa presso librerie, atenei, farmacie, centri benessere, palestre e studi medici.
Obiettivi principali dell’iniziativa: informare la cittadinanza circa le competenze e le aree di intervento dello psicologo, facilitare l’incontro tra professionisti del settore e cittadini interessati a conoscere ed approfondire aspetti e tematiche connesse al benessere psicologico; promuovere il benessere psicologico della persona, dei gruppi, della comunità attraverso interventi di consulenza psicologica e azioni di sensibilizzazione ed informazione su contenuti di interesse specifico e “diffondere la cultura del benessere psicologico introducendo anche la corretta definizione di salute, con riferimento al completo benessere psichico, fisico e sociale e non all’assenza di malattie.”, spiega Giuseppe Luigi Palma, Presidente dell’ordine degli Psicologi della Puglia, durante la conferenza stampa di questa mattina presso Palazzo Adorno a Lecce per la promozione dell’iniziativa. Insieme al presidente, anche Milena Muya, consigliera dell’Ordine degli Psicologi della Regione Puglia, durante la conferenza ha spiegato che :” Questa, per la Puglia, è un iniziativa pilota. Per la prima volta la nostra regione accoglie questo evento, ma speriamo e crediamo che i prossimi anni sarà anche più fruttuosa”.
Uno stand dell’iniziativa, inoltre, sarà anche presente alla fiera di Bari.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.