Il 4° appuntamento di Sfide culturali e politiche ci sarà sabato 12 marzo alle ore 18 a Lecce, all’Hotel Hilton Garden Inn. L’intera iniziativa, alla sua 5^ edizione, è organizzata da Progetto Osservatorio, in collaborazione con la Fondazione Nuova Italia, con la Fondazione Magna Carta, con Compagnia delle Opere, con Alleanza Cattolica, e con il patrocinio di Confindustria Puglia

Dopo i primi tre incontri, dedicati – attraverso i libri, le musiche e i canti e la rappresentazione scenica – al necessario recupero della memoria, si passa alla fase politica e propositiva: che ne è oggi del Sud d’Italia a 150 anni dall’Unificazione, e soprattutto quali sono le sue prospettive? Sul tema Sud, la sfida dello sviluppo si confronteranno, sollecitati da Carlo Bollino, Gaetano Quagliariello e Nicola Rossi. Carlo Bollino è direttore responsabile de La Gazzetta del Mezzogiorno, dopo essere stato per 15 anni corrispondente estero dell’agenzia ANSA, e prima ancora direttore del quotidiano albanese Gazeta Shqipetare.

Gaetano Quagliariello, attualmente presidente vicario del gruppo del Popolo della libertà al Senato, è alla seconda legislatura come senatore; ordinario di Storia dei partiti politici alla LUISS, è presidente onorario della Fondazione Magna Carta. Collabora con svariate testate giornalistiche, e tra esse – in modo fisso – col quotidiano on line L’Occidentale. Nicola Rossi, attualmente senatore del Partito democratico, è alla sua terza legislatura come parlamentare; ordinario di Economia politica a Tor Vergata e apprezzato saggista, all’inizio di febbraio ha presentato le dimissioni da senatore (respinte con ampia maggioranza dall’Aula di Palazzo Madama), denunciando l’incapacità delle politica di rispondere alle sfide poste dalle generazioni più giovani. In sintesi, il direttore di una importante testata giornalistica del Sud d’Italia a colloquio con due esponenti qualificati delle istituzioni, con competenze storiche ed economiche mirate soprattutto al Mezzogiorno.     

 

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.