Un matrimonio all’orizzonte ed un bimbo nel grembo della sua compagna non sono bastati per fermarlo: così, ha aperto la finestra e si è lanciato nel vuoto, dal secondo piano della sua abitazione.

Una tragedia avvenuta a Monticello Brianza, in provincia di Lecco, ad oltre 1000 km da casa; un volo fatale per un 34enne di Caprarica di Lecce che, nel paesino lombardo, da un po’ di tempo, svolgeva la mansione di portalettere.

I residenti della piccola comunità brianzola lo hanno ritrovato per strada alle prime luci di domenica in una pozza di sangue; quando i medici del 118 sono giunti sul posto, per lui non c’era ormai più nulla da fare. I carabinieri della compagnia di Merate, che indagano sull’episodio, dai primi elementi acquisiti, propendono verso l’ipotesi che il 34enne si sia tolto la vita; i militari, però, non tralasciano le altre piste: sul corpo del leccese, ora ospitato nell’obitorio dell’ospedale di Lecco, nelle prossime ore, infatti, potrebbe essere effettuata l’autopsia, che servirà a fugare ogni dubbio sulla sua morte, al momento, avvolta da un velo di mistero.

Dai primi accertamenti svolti dagli investigatori, pare che il ragazzo non soffrisse di alcuna malattia, né fisica né mentale. In casa, inoltre, i militari non hanno rinvenuto messaggi o lettere d’addio. La notizia della morte del 34enne ha sconvolto la comunità lombarda, dov’era conosciuto da tutti per via del suo mestiere; in poche ore è rimbalzata anche a Caprarica, dove vivono i genitori e la sua compagna, con la quale si sarebbe dovuto sposare il prossimo 7 maggio.

 

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

4 × uno =