Tavola Rotonda: La percezione sociale dei mestieri della mediazione.
“La percezione sociale dei mestieri della mediazione”. È il tema della tavola rotonda che sabato 2 aprile alle ore 10 inaugurerà, nella suggestiva cornice della

Masseria S. Lucia di Ostuni, la 2^ Convention Regionale promossa e organizzata dall’associazione provinciale F.I.M.A.A. Bari.

Chi è e cosa fa il mediatore? Quali sono le figure professionali coinvolte? Un’arte, quella del mediare, delicata e complessa che ha richiesto una specifica regolamentazione legislativa (artt. 1754 – 1765 del codice civile) e che, soprattutto negli ultimi dieci anni, grazie alle associazioni di categoria, ha consentito a tutti gli attori di migliorare competenze, conoscenze e strumenti. Tuttavia non sempre il mediatore avverte di essere percepito come un professionista. Cosa è cambiato e su quali scenari possono intervenire altre categorie quali avvocati, notai e imprenditori che giornalmente si confrontano con i soggetti mediatori? Una rivoluzione intestina che dovrà ulteriormente conciliarsi con i dubbi e le proteste nate dalla recente introduzione della obbligatorietà in materia civile e commerciale.

A parlarne, dopo i saluti ufficiali del Presidente Nazionale F.I.M.A.A. Valerio Angeletti, il presidente della Camera di Commercio di Bari Sandro Ambrosi, Il presidente del Comitato Regionale Notai Bruno Volpe, l’avvocato Francesco Diciollo, Presidente dell’Istituto Pugliese per il Consumo.

L’evento, che proseguirà con seminari e incontri specifici dedicati agli iscritti, ha ricevuto il patrocinio di Regione Puglia, Camera di Commercio di Bari e Confcommercio della Provincia di Bari, è realizzato con il sostegno di Jcom Italia, SoloCase e MedioFimaa.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due × 4 =