Quarantacinque immigrati di nazionalita’ non ancora accertata, anche se si presume che siano in prevalenza siriana e palestinese, sono stati rintracciati nel Salento dai carabinieri delle Compagnie di Tricase e di Maglie.

Trentadue di loro sono stati bloccati nella stazione ferroviaria di Tricase, gli altri 13 in quella di Maglie. Sono stati condotti nel centro di prima accoglienza don Tonino Bello di Otranto dove vengono identificati e sottoposti ai controlli sanitari.

A quanto si e’ saputo una quindicina di loro era in possesso di documenti falsi di vari Stati quali Belgio, Estonia, Portogallo e Spagna.