Notizia shock trapela da alcuni giorni. Secondo alcune fonti, l’aeroporto militare “O. Pierozzi” sarà costretto a fare a meno del 84° Centro SAR. I motivi non sono ancora chiari, basti considerare che la struttura brindisina è in possesso di due hangar ultima generazione,unici sia nella loro fattispecie, che in numerazione.

Infatti Brindisi è l’unica Unità Militare Europea che vanta tali strutture. Se la notizia fosse confermata, le problematiche non si limiterebbero all’inutilizzo delle stesse, ma si andrebbe oltre. L’ 84° Centro SAR verrebbe trasferito nella sede operativa di Gioia del Colle, struttura poco all’avanguardia ed inidonea per il lavoro dell’84°Centro SAR.
Altro schiaffo al Salento intero, che si vedrebbe scippare il soccorso aereo, operativo a Brindisi dal  31-10-1979 un servizio totalmente gratuito per la comunità Salentina.
Il disagio inoltre ingloberebbe oltre quattrocento famiglie di militari dell’aeronautica costretti a migrare nel territorio barese.
Questa “migrazione” a tutt’oggi senza motivo implica in un periodo di crisi economica da parte dello stato, delle spese economiche esose, come previsto dalla legge L 10/03/1987 Num. 100. Oltre ai lavori per le nuove infrastrutture per ospitare l’84° centro SAR a Gioia Del Colle.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

10 − quattro =