“La politica non è mercimonio, scambio di incarichi o poltrone, ma impegno concreto per la propria comunità in una complessiva ottica di collaborazione e di crescita”. Lo dichiara in una nota il consigliere regionale e presidente di “Moderati e Popolari”, Antonio Buccoliero.

“Il mancato riconoscimento della dignità politica di MeP nella scorsa competizione che ha portato all’elezione di Antonio Gabellone anche grazie ai circa nove mila voti dell’intero gruppo riconducibile alla mia persona – prosegue Buccoliero – fa parte, oramai, del passato. In queste prossime amministrative, guardiamo al futuro non solo a parole, ma proponendo, liste composte di giovani, di donne e di validi professionisti, che vogliono concretamente impegnarsi per il bene della propria comunità, rinnovando la classe politica non solo in termini di volti nuovi, ma anche e soprattutto nel concreto, fornendo energia, entusiasmo, voglia di fare e, soprattutto, passione autentica. Siamo orgogliosi di portare avanti un lavoro, che racchiude il sentire di buona parte dei cittadini, che è stanca delle ataviche contrapposizioni destra – sinistra e che ritiene di poter essere parte attiva e propositiva nella crescita della nostra comunità”.
“Purtroppo – sottolinea l’esponente MeP – esiste la vecchia e nefasta mentalità politica che porta a guardare all’avversario come ad un nemico: o sei con me o sei contro di me e, in quest’ultimo caso, non risparmieremo colpi bassi, ritenendo tutto lecito! Non si comprende, invece, come questo atteggiamento anacronistico e negativo danneggi non solo questo o quel gruppo politico, ma tutta una comunità”.
“Ci dispiace – conclude Buccoliero – che qualcuno la pensi ancora così! Noi riteniamo che il confronto politico sia un’importante occasione di crescita e di arricchimento e che l’avversario debba essere considerato un’interfaccia necessaria per raggiungere, in tempi rapidi e positivi, quell’obiettivo primario che la politica non dove mai perdere di vista: il bene comune”.

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.