È stata presentata ieri, presso i locali del ristorante “Amadeus – Bella ’Mbriana” sulla strada provinciale Lecce – Cavallino, la “Lista Gorgoni” per le prossime elezioni amministrative che si terranno il 15 e il 16 maggio.

La manifestazione che si è svolta in serata è stata presenziata dall’avv. Michele Lombardi, sindaco uscente di Cavallino e da tutti i consiglieri di maggioranza. Lo stesso Lombardi ha esordito, rivolgendo un sincero ringraziamento ai tanti elettori presenti in sala. Siamo sicuri di aver ben operato, ha poi sostenuto, in coerenza con quelli che erano gli obiettivi del programma del 2006. Abbiamo contribuito allo sviluppo della comunità, impiegando circa 12 milioni di euro di denaro pubblico per il rifacimento del manto stradale e per la realizzazione di opere di alto valore artistico. Quelle stesse opere, ha poi concluso, che hanno notevolmente migliorato Cavallino rispetto a venti, trent’anni fa.
Il consigliere comunale Bruno Ciccarese è intervenuto parlando del suo operato, ritenendo in tal senso di aver assolto al proprio incarico sempre con il massimo impegno. Abbiamo permesso a questo paese di crescere sotto il profilo culturale, ha detto, e, riallacciandosi al discorso legato alla sistemazione delle strade, ha poi proseguito parlando in particolare dei lavori eseguiti sulla provinciale San Cesario – Caprarica. Poco più tardi è stata la volta del vice sindaco e assessore alla cultura Gaetano Gorgoni, secondo il quale, a suo dire con un po’ di presunzione, la vittoria della sua lista sembrerebbe quasi scontata. Il perché è semplice, ha subito precisato. Siamo certi di aver svolto al meglio il nostro lavoro, di questo tutta la cittadinanza ne è consapevole e sappiamo che sceglierà di stare ancora dalla parte di Michele Lombardi. Tante sono le opere pubbliche realizzate in questi anni, opere che gli altri paesi possono solo sognare e che hanno fatto di Cavallino una città d’arte.
Qualcuno forse avrà dimenticato il recupero del parco archeologico o il restauro di Porta San Giorgio che versava ormai da diversi anni in stato di completo abbandono. Grazie ai nostri interventi Cavallino è cresciuto, diventando un centro di cultura. Non più solo un paese. La valorizzazione del parco archeologico è stata possibile grazie soprattutto ai finanziamenti pubblici, così come per Piazza Castromediano, per il Convento dei Domenicani (ora sede universitaria) e per molti altri siti di interesse storico e culturale presenti sul territorio. Nell’area del campo Bisanti, già fra un anno e mezzo saranno completati i lavori di costruzione dell’area verde. Gaetano Gorgoni ha poi sostenuto che soltanto chi è cieco non può comprendere quello che a Cavallino e per Cavallino è stato fatto. Occorre affidare il futuro della comunità a persone che possano essere delle realizzatrici e che non finiscano nel perdersi in chiacchiere. Egli ha concluso il suo discorso, presentando agli elettori i candidati della lista. Ai volti già noti se ne sono affiancati di nuovi, per continuare insieme nella crescita e nello sviluppo di Cavallino.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due + cinque =