A distanza di oltre trent’anni dal suo ingresso nel mondo della musica (e del Jazz in particolare) ritorna a Maglie, in provincia di Lecce, come Underground Club 84 lo storico jazz club salentino. Era nato come pub underground nel dicembre 1976 e nel corso degli anni ’80 e ’90 aveva ospitato il meglio del jazz nazionale ed internazionale (Romano Mussolini, Cedar Walton, Dave Schnitter, Howard Johnson, solo per fare qualche nome).

Ancora oggiAggiungi un appuntamento per oggi, nonostante l’ultimo lungo periodo di sosta, l’Underground è rimasto nel cuore e nelle “orecchie” di appassionati e jazzofili di Lecce e provincia e non solo. OggiAggiungi un appuntamento per oggi come allora, riappropriandosi delle sue origini, rimane uno dei pochi posti in grado di far respirare a pieni polmoni l’aria del black sound e di ricreare per gli amanti del jazz la classica atmosfera dei locali di Saint Louis o di New Orleans. Ad aprile l’Underground Club 84 torna a far rivivere quelle atmosfere del grande jazz proponendo numerosi artisti di fama nazionale ed internazionale in un cartellone ricco di novità.

Giovedì 7 aprile il locale ospita “Contro…il pubblico”, punto di convergenza e fusione in cui pittura, musica, poesia e teatro, estraniandosi da qualsiasi logica di intrattenimento, si incontrano per dar vita ad un’esperienza di arte sperimentale. Il duo jazz composto da Fabrizio Savino (chitarra) e Domenico Cartago (piano) “sonorizzerà” i quadri e le installazioni della pittrice leccese Antonella Carluccio, che si proporrà con “Mi ricordo…”. In omaggio all’attore, regista, scrittore e poeta Carmelo Bene, si susseguiranno “attimi” di interpretazione teatrale a cura di Daniele Panarese e Matteo Mele.

Venerdì 8 aprile parte anche il Venerdì del jazz con un evento speciale. Direttamente dal Devil 4tet di Paolo Fresu sul palco del club salentino arriva il chitarrista Bebo Ferra. Nel corso della sua lunga carriera ha collaborato con Enrico Pieranunzi, Giovanni Tommaso, Fabrizio Bosso, Rita Marcotulli, Alex Foster, John Clark, Enrico Rava, Steve Grossmann, Maria Pia de Vito, Billy Cobham, Dedè Ceccarelli, Franco Ambrosetti, Emanuel Bex, Carol Welsman, Adam Nussbaum, Gianluigi Trovesi, Antonello Salis.

Venerdì 15 aprile la cantante Carla Casarano e il pianista William Greco proporranno “Itinerary 2” un progetto con brani celebri da Ella Fitgerald ad Al Jarreau. Carla Casarano è specializzanda in musicoterapia, tra le tante collaborazioni anche quella con Albano Carrisi, Philippe Catherine, Ettore Carucci, Andrea Sabatino, Marco Bardoscia, Raffaele Casarano, Giovanni Imparato, Checco Fornarelli, Sheila Jordan, Luca Aquino e Javier Girotto. Il ventitreenne William Greco agli iniziali studi classici affianca quelli di musica jazz. Ha studiato e si è esibito con alcuni dei maggiori jazzisti italiani tra cui Franco D’Andrea, Stefano Battaglia, Paolo Birro, Riccardo Zegna, Marco Tamburini, Achille Succi, Giulio Visibelli, Stefano Zenni. Nel Marzo 2010 vince il primo premio, il premio del pubblico e il premio “Libertà” alla settima edizione del concorso nazionale “Chicco Bettinardi” di Piacenza.

Venerdì 29 aprile ultimo appuntamento del mese con Western & Country Acoustic Trio dal bluegrass tradizionale al folk nordamericano con brani di Neil Young, Bob Dylan, John Denver e molti altri.

L’Underground Club 84 ospiterà anche mostre d’arte e appuntamenti di cabaret.

Dal 15 aprile spazio alla personale di pittura a cura dell’artista Paola Rizzo. Nata a Galatina nel 1974, si è diplomata al Liceo Artistico di Lecce nel 1992, ha proseguito poi gli studi artistici laureandosi nel 1997 presso l’Accademia delle Belle Arti di Lecce nel corso di Pittura. Nel 2003 ha conseguito il diploma di  “Tecnico della Manutenzione e del Restauro di materiale Lapideo”. Le sue opere sono pubblicate su riviste nazionali e dizionari enciclopedici internazionali specifici del settore artistico.

Giovedì 21 aprile speciale appuntamento dedicato al cabaret con la musica e la comicità di Andrea Baccassino. Dopo il grande successo di “Gioventù Bruscata”, il cantante e autore neretino torna con il nuovo “Spettacolo senza titolo”. Uno spettacolo ancora non completo, ancora “Work in Progress”, che cambia da sera a sera, così come cambiava da sera a sera “Gioventù Bruscata”, che ha raggiunto una forma pressoché definitiva solo dopo anni di repliche. Ma la formula della comicità non cambia: monologhi comici, parodie e canzoni che raccontano gli improbabili personaggi che abitano questa improbabile regione chiamata Salento: vecchi lavoratori, giovani fruitori di internet, bonazze da Facebook e padri di famiglia alle prese con le rate del televisore al Plasma. Tra passato, presente e futuro: il Salento.