Nella tarda serata di ieri sono stati sottratti cinquecento metri di cavi tra le stazioni di Tuturano (Br) e Squinzano (Le). Conseguenze per sei treni a lunga percorrenza che hanno registrato ritardi medi di circa trenta minuti.

Le squadre tecniche di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS) sono intervenute durante la notte per ripristinare gli impianti. L’attivita’ criminosa, che ha portato alla sottrazione di cinquecento metri di cavi, e’ stata tempestivamente bloccata grazie ai controlli della Polizia Ferroviaria e del nucleo Protezione Aziendale del Gruppo FS. Il magro bottino, che fruttera’ ai ladri appena un centinaio di euro, ha comportato ad RFI un danno economico di 30 mila euro.

A tanto ammontano, infatti, i costi di materiale, personale impiegato e manutenzione, cui si aggiungono le inevitabili ripercussioni sulla circolazione dei treni e quindi i disagi alla clientela. Sull’accaduto sono in corso le indagini della Polizia Ferroviaria.

CONDIVIDI