“Al di là delle motivazioni addotte da Carlo Salvemini vorrei sapere se il partito del  Pd lo considera come dissidente o voltagabbana.”

Si domanda il  consigliere comunale di “Lecce città del mondo” Gianluca Borgia, sulla rinuncia alla carica di Salvemini.  “Non dimentichiamo che nel recente passato, in un’assolata giornata di luglio, si ritrovarono tutti insieme appassionatamente, sotto il Comune di Lecce, la senatrice Poli Bortone e l’onorevole Rotundo e ai parlamentari Ds, oltre ad alcuni rappresentanti di Italia dei Valori.
In quello stesso periodo il presidente della Repubblica Napolitano definì queste ammucchiate ‘squallide consorterie’.”



CONDIVIDI