“Bene le iniziative di Maroni , sopratutto con riguardo agli accordi di Schengen, che richiamano l’Europa ai propri doveri di condivisione di una emergenza umana, al di la’ delle ipocrisie. Una Europa che blatera sempre sui diritti umani ma che vive ancora di egoismi assolutamente esasperati.

Un’ Europa ancora lontana dall’unita’ politica, incapace di presentarsi con una politica estera unitaria”. Lo dichiara Adriana Poli Bortone, leader di Io Sud. “Quanto all’Italia, tuttavia -prosegue la senatrice del gruppo Coesione nazionale di palazzo Madama- non possiamo non censurare la condotta omissiva ed i ritardi del concerto con le regioni e con sistema istituzionale tutto che si sarebbe dovuto cercare gia’ da tempo, con impegni certi e inequivocabili, per evitare che tutto il peso della solidarieta’ fosse affidato ancora una volta solo ai territori piu’ poveri del Mezzogiorno”. “Una bella gara, insomma -prosegue- fra gli egoismi europei e quelli delle regioni italiane che, al nord, non intendono minimamente contribuire a far si che , invece dei lagers di 3.000 persone , vi siano reali centri di accoglienza che garantiscano il rispetto dei diritti umani e quello della legalita’

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

otto + due =