Nel corso di poco più di un anno ha prima avvicinato, poi instaurato un’amicizia “intima” e successivamente, una volta che le “prede” sono fuggite dalle sue grinfie ha iniziato a perseguitale, pedinarle, minacciarle ed ingiuriarle al solo scopo di turbarle ed impaurirle.

L’arrestato, Ciro Verdastro, cinquantatreenne leccese, nel pomeriggio odierno è stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari  emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Lecce Dott. Brancato, su richiesta del Pubblico Ministero D.ssa Carmen Ruggiero.L’uomo era già stato protagonista di uno scandalo portato a galla dagli inviati di striscia la notizia Fabio e Mingo. Le indagini svolte da questa Squadra Mobile sono partite da cinque querele sporte  in questi Uffici da altrettante donne che hanno lamentato una condotta persecutoria nei loro confronti attuata da Verdastro, il quale, ha di fatto molestato e minacciato le sue vittime, pedinandole ed inviando loro numerosissimi sms dal contenuto ingiurioso ed offensivo. In particolare Verdastro risponde di atti persecutori perpetrati nei confronti di una delle vittime, una studentessa fuori sede di ventiduenne anni, la quale, dopo aver instaurato una amicizia con Verdastro, impaurita dal suo modo di fare eccessivamente invadente, ha deciso di troncare il rapporto. Per tutta risposta l’uomo l’ha pedinata e l’ha molestata anche sul luogo di lavoro, un esercizio pubblico che si trova in città, offendendola anche di fronte ad altre persone.
Verdastro è stato arrestato per il delitto di atti persecutori messi in atto nei confronti della giovane studentessa, mentre risponde in stato di libertà di molestie, ingiurie e minacce poste in essere nei confronti delle altre quattro donne.     
L’uomo è difeso dall’Avvocato Luigi Covella del Foro di Lecce.

 



CONDIVIDI