Sui problemi del passaggio al digitale terrestre, una nota del Presidente del Consiglio regionale della Puglia Onofrio Introna, in qualità di referente per l’area Comunicazione della Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative.

“La definizione del nuovo calendario per il passaggio alla televisione digitale, decisa ieri dal Comitato Nazionale Italia Digitale, presieduto dal Ministro Romani, fa emergere una serie di problemi. Le difficoltà gravissime di ricezione riscontrati nelle Regioni già passate al digitale terrestre, pongono con tutta urgenza l’esigenza di una profonda riflessione sui disagi relativi alla transizione nelle aree non ancora interessate dalla svolta al nuovo sistema di ricezione.
Questa Conferenza, già da tempo, con l’aiuto e il sostegno tecnico dei Corecom italiani, ha denunciato le cose che non vanno: decoder, assegnazione dei canali, frequenze che non bastano, comunicazione con gli utenti, interferenze transfrontaliere, lievitazione dei prezzi degli impiantisti. Bisogna dunque evitare che gli errori del passato si ripetano.
Le Regioni (Giunte e Consigli) dovrebbero farsi carico della richiesta di programmare il processo nelle regioni ancora legate all’analogico e di avviare le relative procedure solo quando sarà chiarito l’intero scenario dei problemi e trovate le relative soluzioni.
Il contenzioso in atto tra le TV locali, il Ministero e l’Agcom, l’esproprio dei canali 6169, la crisi di ascolti e fatturati, ci portano ad ipotizzare gravi difficoltà non solo per le TV locali e il servizio pubblico, ma anche e soprattutto per i cittadini.
Un sondaggio realizzato per conto dell’Adoc in 5 regioni già transitate al digitale terrestre (Lazio, Lombardia, Piemonte, Veneto, Trentino) segnala dati quantomeno allarmanti dopo lo switch-off: il 43% non vede del tutto alcuni canali, sia Rai che Mediaset, il 76% per cento degli intervistati ha avuto almeno un problema, uno su due (53%) lamenta la cattiva ricezione di uno o più canali e spesso non riesce a vedere un programma fino al termine.
In zone estese del Piemonte orientale non è possibile captare il Tg3 regionale.
Oltre al nodo delle frequenze, altri problemi di rilievo riguardano la messa a punto degli apparati di ricezione e delle antenne, particolarmente onerosa, e la tecnologia di alcuni decoder, commercializzati a prezzi più contenuti e che non offrono la sintonizzazione automatica dei canali, con conseguenti disagi per gli utenti, costretti a risintonizzare continuamente.
Tutto questo suggerisce una pausa di riflessione, per evitare che problematiche analoghe possano penalizzatre anche i teleutenti delle regioni non ancora passate al digitale terrestre
La Conferenza delle Assemblee Regionali, di concerto con i Corecom italiani e la Conferenza Stato Regioni, ritiene non più differibile un confronto articolato ai vari livelli di competenza con il Ministero dello Sviluppo Economico e l’Agcom, destinato ad individuare i più opportuni interventi per superare le attuali difficoltà e per giungere alla normalizzazione del settore, capace di corrispondere alle legittime attese delle utenze”

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

due × uno =