Una situazione di emergenza umanitaria, è quella che la delegazione dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale della Puglia – il presidente Onofrio Introna ed i vicepresidenti Antonio Maniglio e Nino Marmo – con l’assessore Nicola Fratoianni, hanno trovato

nel campo di accoglienza allestivo tra Manduria ed Oria. Occorre alleggerire le presenze, il carico umano è ingestibile, evitare che nasca un altro insediamento a San Pancrazio Salentino Bisogna accelerare le pratiche di riconoscimento del diritto di asilo, per evitare ai profughi di lascia il campo, diventando clandestini.
Il Consiglio regionale e la Giunta devono avanzare una “legittima e fondata richiesta al Governo nazionale – dichiara il presidente Introna – per un ristoro in termini di visibilità. Alla vigilia della stagione turistica, la Puglia economica e produttiva sta subendo un impatto pesante, lo Stato dovrebbe farsi carico di una campagna pubblicitaria che possa promuove le qualità di questa regione unica, dei suoi borghi, del mare pulito, delle eccellenze agroalimentari, del vino, dei castelli e delle masserie fortificate”.
È quello che la delegazione regionale ha voluto comunicare alle comunità più vicine al campo di contrada Paione, incontrando il sindaco di Manduria, Paolo Tommasino e il commissario di Oriana, Maria Rita Iaculli. Una campagna sulle bellezze uniche della Puglia, per bilanciare l’immagine di questa terra.

loading...

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

16 − 11 =