Nel fine settimana, i Militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Lecce, in collaborazione con personale del Corpo di Polizia Municipale e del Servizio di Igiene Pubblica dell’ASL del capoluogo, hanno effettuato alcuni controlli mirati nei confronti di persone sospettate di svolgere abusivamente attività artigianali e professionali.

I controlli, sostanziatisi in accurati sopralluoghi e ripetuti appostamenti, hanno consentito l’individuazione una sala da barba, assolutamente sconosciuta al fisco e priva di qualsiasi autorizzazione all’esercizio dell’attività.

Il locale e tutte le attrezzature in uso: una poltrona, un lavatesta portatile con serbatoio di raccolta dell’acqua, forbici, pettini, rasoi ed altro materiale, sono stati sottoposti a sequestro amministrativo poiché utilizzati per l’esercizio abusivo dell’attività.

Il provvedimento di sequestro e chiusura della sala da barba si è reso necessario anche in ragione delle pessime condizioni igienico-sanitarie del luogo in cui veniva esercitata l’attività abusiva.

I Finanzieri hanno, inoltre, accertato che l’artigiano svolgeva l’attività senza emettere alcun documento fiscale, in totale evasione d’imposta e per questo è stato segnalato all’Agenzia delle Entrate di Lecce.