Un Venafro velleitario le ha provate tutte per fare lo sgambetto ai gialloblù salentini nella gara più importante della stagione per entrambe le compagini. Appaiate in classifica le squadre non potevano steccare l’appuntamento con la vittoria.

Ne è venuta fuori una gara maschia, agonisticamente intensa, che il Monteroni ha dimostrato sin da subito di poter conquistare o comunque di giocarla da protagonista in tutti i sensi.

La solita partenza bruciante dei locali che annichiliscono i viaggianti. Oltre alla vittoria c’è da ribaltare il -9 dell’andata e Sabbatini & Co. cominciano a bombardare dal bersaglio grosso con buone percentuali. 28 a 16 il parzialino .
Nel secondo quarto il Monteroni sembra avere le polveri bagnate e subisce il ritorno dei molisani che, sia pure con un Mengoni gravato di 4 falli riescono a fare la voce grossa e a ridimensionare la compagine locale. Al riposo lungo si va con i locali avanti di sole 5 lunghezze sul 40 a 35.

Solita strigliata negli spogliatoi per un film già visto nel quale i salentini, in ogni gara,  regalano un quarto agli avversari pregiudicandone l’andamento.

Si riprende con i padroni di casa maggiormente  decisi e attenti in difesa e con i viaggianti che non mollano. Grazie anche all’improvviso cambio del metro arbitrale, che nei primi due quarti era sembrato impeccabile e rigorosissimo, il gioco diventa più maschio e l’agonismo sale.
I salentini contengono abbastanza bene le folate offensive degli ospiti e riescono a chiudere al 30’ sul 60 a 52 allungando il vantaggio di inizio quarto.
E’ nell’ultimo periodo che i ragazzi di coach MASCIO provano il tutto per tutto e con un incontenibile Mengoni (21) autore di una gara strepitosa, (non si riesce a capire come sia riuscito a rimanere in gara pur gravato di 4 falli fin dalla metà del 2° quarto), rosicchiano punto su punto alla compagine locale fino a giungere nei secondi finali ad avere in mano la palla per vincere.

La dea bendata però si ricorda del tiro di Sabbatini che colpisce il ferro proprio nel finale  a Roseto e ricambia la sorte quando il tiro dei molisani , proprio a fil di sirena viene rispedito in campo dal ferro.
Finisce 77 a 75 per i locali tra il tripudio del pubblico e gli abbracci degli atleti.
Monteroni aggancia la quinta piazza della classifica raggiungendo proprio il Roseto che lo aveva battuto solo sette giorni prima e che perdendo a Pescara resta al palo.  Da martedì si dovrà pensare al Torre del Greco. I campani raggiunta la salvezza potrebbero avere qualche piccola chance di post season. Mantenere la concentrazione è d’obbligo.

Quarta Caffè MD Discount Nuova Pall. Monteroni    77

Dynamic Venafro                                                          75

MONTERONI:                SABBATINI 24, SARDANO 5, AZAN 13, Durini 3, Paiano 2, MANCA 2), Signore 5, Doretti 3, Luisi 9, Caloia 11, All.: Scarpa.

VENAFRO     :               LEPORE, MENGONI 21, LOUGHLIMI 10, MINCHELLA 2, CARDINALE 4, DE MONACO 11, FERRARO 16, BRUSELLO, TRENTINI 11, TRIMARCHI n.e. all.: MASCIO

Note: Arbitri: Fontanella Molea Gianvito di Catanzaro e Placanica Ivan di Roccella Ionica (RC)
Parziali: 1°q 28-16, 2°q 40-35(12-19), 3°q 60-52(20-17, Finale 77-75(17-23).
Monteroni Tiri da 2: 19/32, Tiri da 3: 9/23, Tiri Liberi: 12/27.
Venafro Tiri da 2: 16/36, Tiri da 3: 2/10, Tiri Liberi: 27/38.

Usciti per 5 Falli: Manca 38’, Sardano 37’, Mengoni 40’, Trentini 39’

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

cinque − uno =