Salento in Barca cresce e dalla paranza diventa “Barche in Rete”. Un network di natanti a disposizione dei turisti e delle scolaresche per scoprire e vivere le meravigliose strade del mare salentino che uniscono Otranto a Castro, Gallipoli a Torre Vado e S. Maria di Leuca.

Con il nuovo progetto “Barche in rete” (in collaborazione con Escursioni La Torre, Salento Nautica, Otranto Sub e MaRsano) sarà possibile telefonare ad un  numero unico di prenotazione, un info point mobile (tel. 3475710572) e prenotare la propria escursione in motonave, catamarano, yatch (con tanto di minicrociera) e, prossimamente, barca a vela. Un’opportunità da non perdere, oltre che per turisti e villeggianti, anche per le scolaresche e i cittadini salentini che avranno la possibilità di vivere l’esperienza del Maricoltura Tour, un particolarissimo e suggestivo viaggio nell’impianto della Reho Srl, unica realtà nel Salento, che sorge al largo della marina di Torre Suda (Racale) e abbraccia la costa ionica da Torre San Giovanni fino a Torre Pizzo. La struttura si sviluppa all’interno di dodici “campane”: grandissime reti larghe venti metri e profonde 16 metri dove all’interno gli avannotti, pesci neonati, vengono allevati e dopo un anno e mezzo diventano spigole, orate, ombrine, pronti per essere distribuiti nelle pescherie dei migliori centri e ristoranti della provincia di Lecce fino a tutto il Nord Italia. Si salirà a bordo del catamarano “Mediterranea” che sarà il compagno di viaggio lungo il Maricoltura Tour: si circumnavigherà l’area dell’impianto, la guida esporrà le varie fasi dell’allevamento e con lo speciale Vista Vision, una grande lente di cui è dotata l’imbarcazione, si potrà osservare la vita dei pesci sott’acqua circoscritta nelle grandi reti.
La promozione del servizio sarà “ecosostenibile”: nessuna brochure o volantini ma biglietti da visita posizionati negli appositi espositori nelle strutture che rimandano al sito internet www.salentoinbarca.it per qualsiasi informazione. Tutti i salentini sono, tra l’altro, invitati a trascorrere la Pasquetta sul mare a bordo del catamarano “Mediterranea”.

L’idea nasce dalla realtà di “Salento in Barca” che ha preso il via già nel 2005 su iniziativa di due fratelli, Maria Teresa e Cristian Casalino. Cominciarono con una paranza “Navigando senza fretta” inventando un’evoluzione del pescaturismo ed un originale itinerario, anche enogastronomico.
Un bel salto di qualità per la promozione turistica che è stato, tra l’altro, subito colto con entusiasmo dalle strutture della Caroli Hotels, a Gallipoli e Leuca, che proporranno alla propria clientela il servizio, organizzando anche appositi pacchetti e settimane cosiddette “blu”.

CONDIVIDI