Adriana Poli BortoneL’azienda Newlat con sede a Lecce piuttosto che fare la fine della manifattura sia data in gestione ai lavoratori. A chiederlo la senatrice Adriana Poli Bortone, presidente nazionale di Io Sud, che ha presentato una interrogazione ai Ministri del Lavoro e delle Politiche Sociali e dello Sviluppo economico esprimendo la sua forte preoccupazione in merito alle sorti dei lavoratori della Newlat. Lo stabilimento leccese, vocato alla produzione di formaggi a pasta filata e ricotta è divenuto in soli 38 anni un’ importante  realtà economica per il Salento

L’azienda che ha la  casa a madre a Reggio Emilia, dopo un periodo di cassa integrazione, ha comunicato nei giorni scorsi la mobilità del personale. La procedura interesserà 14 dei 25 addetti. Di qui, l’interrogazione del presidente nazionale di Io Sud, Adriana Poli Bortone, per sapere quali iniziative intendano intraprendere i ministri per salvare questi posti di lavoro. La  richiesta della senatrice ai ministri è esplicita e chiara:  un intervento del governo al fine di dare l’azienda del capoluogo salentino in gestione agli stessi lavoratori per evitare che un’altra importante realtà così come già avvenuto per la B.a.t. lasci il nostro territorio creando un altro danno all’economia salentina

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

undici + diciassette =