Stamani si è svolto nella  Prefettura di Lecce  l’incontro fra il Prefetto, Mario Tafaro  e una delegazione sindacale Cgil-Cisl-Uil-Snals composta dai coordinatori provinciali dei Dirigenti Scolastici e dai responsabili provinciali del sindacato scuola. Un incontro voluto e  richiesto dagli stessi Dirigenti Scolastici per rappresentare alla massima carica istituzionale e  territoriale di governo i disagi e le criticità della scuola pugliese impegnata  a garantire la qualità dell’offerta formativa,  dovendo far fronte a numerose richieste e, nello stesso tempo, disponendo di  risorse sempre più limitate

 I punti sottolineati con fermezza e posti all’attenzione del Prefetto, presente all’incontro anche la Dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale Marcella Rucco, sono  soprattutto quelli relativi al taglio degli organici, che costituiscono un elemento di forte preoccupazione fra i Dirigenti Scolastici , perché pregiudicheranno il volume   progettuale delle scuole ( Pon Fse- Diritti a scuola- Fesr- )  e la loro capacità di intercettare risorse dai bandi europei e nazionali. In particolare, il taglio  dei collaboratori scolastici che potrebbe compromettere la sicurezza  e la vigilanza all’interno delle scuole. Le limitate risorse finanziarie, con impegni aggiuntivi non coperti da finanziamenti   e trasferimenti specifici alle scuole, aggravano ulteriormente una  situazione già fortemente sottoposta a numerose pressioni da parte del territorio (genitori, Enti locali, associazioni, ecc.) e impegni istituzionali obbligatori (visite fiscali, sicurezza nelle scuole,) esponendo gli stessi Dirigenti Scolastici a rischi e responsabilità nuovi  e  sempre più pressanti. Si è preso atto della disponibilità del Prefetto, al quale va il nostro sentito e doveroso ringraziamento,  a farsi interprete presso gli organi di governo dei rischi e delle criticità in cui versa la scuola e gli stessi Dirigenti Scolastici, impegnati ogni giorno in compiti e ruoli  sempre più complessi .

 

ATTENZIONE: i commenti non sono moderati dalla redazione, che non se ne assume la responsabilità. Ogni utente risponderà del contenuto delle proprie affermazioni.