La Guardia di Finanza di Lecce, particolarmente attenta alla sicurezza dei cittadini, prosegue la sua incisiva azione a contrasto dell’illegale commercializzazione di materiale esplodente. Nel pomeriggio di ieri, i Finanzieri della Compagnia di Lecce sono intervenuti in agro di Zollino, dove un trentaduenne napoletano, Amodio Maggio,

ma residente a Sannicola, era in procinto di effettuare uno spettacolo di giochi pirotecnici utilizzando 70 chilogrammi di prodotti  esplodenti, alcuni dei quali privi di qualsivoglia riferimento sulla composizione, modalità d’uso e altre indicazioni previste dalle normative vigenti e, quindi, considerati altamente pericolosi, in quanto privi delle necessarie condizioni di sicurezza e per questo illegali.

L’uomo è stato tratto in arresto e il materiale esplodente sottoposto a sequestro.

Contestualmente, le Fiamme Gialle della Compagnia di Gallipoli hanno effettuato un accesso presso la fabbrica di fuochi d’artificio (insistente nel territorio gallipolino) dalla quale il soggetto arrestato si era rifornito, rinvenendo 1.200 chilogrammi di prodotti illecitamente detenuti perché in quantità eccedente a  quella per cui era stata concessa l’autorizzazione di Pubblica Sicurezza.

Il titolare della fabbrica è stato denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lecce.