Altri tre giovani spacciatori leccesi sono stati arrestati dalle volanti. Si tratta di Cardone Claudio, 36 anni, Mazzei Simone, 29 anni, e Fiordisio Mirko, 21 anni, tutti e tre leccesi, accusati di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente”in concorso tra di loro.

È accaduto intorno alle ore 18,30 di ieri pomeriggio, quando i poliziotti impegnati in un giro di perlustrazione nell’ambito dei servizi di contrasto dello spaccio degli stupefacenti nella zona di S. Pio, notavano tre giovani a piedi, in via Dalmazio Birago, i quali alla vista delle auto, tentavano di nascondersi dietro un chiosco posto nelle vicinanze, e cercavano di liberarsi ma troppo tardi della droga.
I tre venivano ovviamente bloccati e perquisiti. Gli agenti trovavano addosso a Cardone, e precisamente nel giubbotto, un involucro giallo, contenente all’interno 12 involucri  in cellophane di colore bianco chiusi all’estremità mediante bruciatura, contenenti ognuno pezzi solidi di eroina, del peso complessivo di 4,6  grammi; oltre a due boccette piene a metà di metadone.
Presso l’abitazione del 36enne, venivano rinvenuti altri due flaconi contenenti metadone, oltre ad 8 buste in plastica tagliate a forma circolare del tutto simili a quelle rinvenute precedentemente addosso alla persona e contenenti la sostanza stupefacente. Occultati nel comodino della camera da letto sotto gli indumenti vi erano anche due bilancini di precisione perfettamente funzionanti.
Gli involucri precedentemente recuperati in strada erano in realtà quattro dosi di eroina del peso complessivo di gr.1,1, mentre nell’altro involucro erano racchiusi svariati pezzettini di sostanza stupefacente verosimilmente haschish del peso complessivo di grammi 1,00.
Per questo motivo scattavano le manette per tutti e tre, che hanno nominato quale legale di fiducia l’Avv. MINAFRA Renata del foro di Lecce.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

11 − otto =