E’ finita dopo 4 mesi la detenzione del poliziotto leccese nel carcere dell’aeroporto di Dubai, negli Emirati Arabi Uniti.
Una vera e propria Odissea, durata ben 121 giorni

, che Roberto Cuppone, 48enne, ufficiale medico, in servizio a Roma, ha trascorso confinato nel carcere saudita, dov’era stato rinchiuso il 6 dicembre dello scorso anno, con le accuse di offesa al pudore e condotta sconveniente.

Il suo arresto era scattato dopo che l’agente salentino aveva importunato una passeggera indonesiana, incontrata a bordo di un volo aereo della compagnia Emirates.

Un reato – tradotto in molestie sessuali – per il quale l’ordinamento giudiziario arabo prevede, in casi particolari, una pena detentiva fino ai 30 anni di carcere.

L’agente leccese ha rivisto la luce lo scorso 5 aprile, alla scadenza del termine di 4 mesi, previsto dalla Magistratura araba per raccogliere le prove processuali.

Nei mesi scorsi, i suoi avvocati difensori, avevano anche inoltrato la richiesta di una perizia psichiatrica per il loro assistito, utile a stabilire se il 48enne, al momento dei fatti, fosse capace di intendere e di volere.

La sua scarcerazione, disposta dal Magistrato del Dubai, è tuttavia subordinata al divieto imposto all’agente salentino di non accedere più negli Emirati Arabi Uniti.

Viene da pensare che, dopo quanto accaduto, negli Emirati non ci vorrà più tornare.

 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

1 × 3 =