Il periodo di forte crisi occupazionale che sta vivendo l’intero Paese, sta producendo un’involuzione sociale di difficile valutazione; è un periodo in cui, sempre più spesso, quando si parla di lavoro per i giovani o per i meno giovani, la sensazione di smarrimento e disorientamento prevale

su ogni altra emozione; la prospettiva di un futuro incerto che possa non garantire dignità e gratificazione sociale, unita all’impossibilità di esprimere i talenti e di trasformare le tante potenzialità di intere generazioni, sta impoverendo di qualsivoglia motivazione un ampio arco di popolazione attiva.
In questo contesto, la testimonianza di Casartigiani non poteva mancare, il forte senso di responsabilità verso il mondo del lavoro e la vicinanza ai reali problemi delle imprese e dell’economia del nostro Paese  non potevano esimerci dall’assumere degli impegni seri e precisi nei confronti dei disoccupati e dei lavoratori.
E’ per questo che Casartigiani, ha avviato una profonda riflessione sulla necessità di investire per migliorare le sinergie tra orientamento, formazione, inserimento lavorativo, senza tralasciare la formazione continua, l’aggiornamento e la riqualificazione delle competenze che possono mettere al riparo dagli effetti che le situazioni di instabilità potrebbero avere su chi un lavoro lo ha già.
Ma questo percorso necessita di un impegno di tutti gli attori del mercato del lavoro, delle organizzazioni sindacali, delle associazioni imprenditoriali, delle istituzioni, che, accogliendo l’appello dell’ente di formazione Fo.r.um. “formazione risorse umane”, ente accreditato presso la Regione Puglia e di diretta emanazione di Casartigiani, si incontreranno il 31 maggio alle ore 10,30 a Lecce presso le Officine Cantelmo per confrontarsi in una giornata di studio sul tema: “Una filiera per il lavoro: la formazione come volano per l’occupazione”. Al termine dell’incontro, al quale parteciperanno le istituzioni, Provincia di Lecce e Regione Puglia, le associazioni sindacali, CGIL, CISL e UIL, le associazioni datoriali, e le imprese, tutti i soggetti coinvolti si impegneranno concretamente a definire un percorso comune e degli obiettivi da perseguire nell’immediato, finalizzati ad accompagnare l’individuo verso il lavoro e la realizzazione professionale e personale, perchè come diceva Snt’Agostino “La vita è imparare a non sopravvivere”, ed una vita vissuta con dignità è il pilastro fondamentale di tutta l’esistenza umana.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

quattro × 2 =