Presenterò immediatamente – afferma l’on. Ugo Lisi – al Ministero dell’Ambiente e al Ministero delle Telecomunicazioni un’Interrogazione urgente nella quale porterò alla loro attenzione la questione relativa all’antenna situata in Via Taranto a Lecce.

Questa vicenda dura ormai da molti anni e sono tante le situazioni anomale causate  dalle interferenze che le emissioni elettromagnetiche di questo traliccio generano sugli apparecchi elettronici. Ma è assurdo, che a causa di tali emissioni, non sia possibile, in un quartiere della nostra città importante come il Rudiae-Ferrovia, poter effettuare un esame diagnostico vitale come l’elettrocardiogramma. Alla luce di tutto ciò è naturale che ad alcuni nostri concittadini sorga il dubbio della ricaduta sulla loro salute che questi flussi possono comportare.
Su segnalazione del Consigliere di Quartiere Leo Ciccardi, che ha chiesto il mio intervento, mi sono anche recato in varie abitazioni è ho constatato di persona quale fosse la situazione con la quale i residenti hanno a che fare quotidianamente.
In questi anni sia la Circoscrizione che il Comune di Lecce hanno preso a cuore la vicenda e, in qualità di Parlamentare della Repubblica del Capoluogo, ritengo doveroso (investendo sia i Ministeri che la Commissione Ambiente della Camera) continuare a fornire il mio contributo per sollecitare gli organi competenti ad un supplemento di intervento a sostegno di quello dei cittadini leccesi e dei loro rappresentanti. 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

cinque × cinque =