Vignetta Massimo Donateo“Senza voti, senza tempo, senza giudizio” è lo slogan della collana “asInI volantI” lettori e scrittori in erba dell’Officina delle Parole che sarà presentata a Lecce presso la sede LUSEFE via Botti,1  (di fronte ex Ospedale Psichiatrico) venerdì 20 maggio alle ore 16.30 all’interno degli eventi culturali

che ha organizzato l’AEDE, Associazione Europea degli Insegnanti in collaborazione con CEE, Centro culturale A.Moro, e LUSEFE Libera Università di Studi Europei e Formazione di Eccellenza,  sotto la direzione della responsabile prof.ssa Clara Minichiello.
Prenderanno parte all’incontro Elisabetta Opasich, antropologa e insegnante, coordinatrice editoriale de L’officina delle parole che  curerà la nuova collana, Pompea Vergaro Direttore Editoriale, Mauro Ragosta scrittore ed  esperto di economia e Clara Minichiello responsabile AEDE.
La nuova collana ben si coniuga con gli obiettivi che  L’Officina delle Parole, presente da qualche tempo nel territorio salentino dove si è ritagliato uno spazio piccolo, ma significativo, che è quello di sperimentare e fare  ricerca, sia da  punto di vista creativo che economico, fuori dalle logiche di mercato.
Alla ricerca sempre di nuovi talenti che abbiano qualcosa da dire, e che spesso si possono scoprire, in chi apparentemente non le possiede “come perle in fondo al mare”.
AsInI volantI è un’ Officina sempre aperta per bambini e adulti, per chi voglia pensare divertendosi con amore e fiducia nelle nuove generazioni, infondendo loro speranza e desiderio di perseguire un’esistenza gioiosa e rispetto prima verso se stessi e gli altri.

“Perchè” come spiega Elisabetta Opasich  che insegna da un decennio nella scuola elementare, “vi sono bambini che fanno fatica a manifestare delle capacità creative e che vi sono molti percorsi che possono contribuire a fare delle scoperte inattese. Da qui la necessità di proporre e fondare  una collana editoriale semplice, ma originale per bambini e bambine per dare vita a uno spazio creativo dedicato alla fascia di età che va dalla Scuola Primaria fino alla Scuola Secondaria Inferiore, meglio conosciuta come Scuola Media.
La finalità è invitarli a leggere e, soprattutto, invogliarli a scrivere. Insomma un vero laboratorio di scrittura creativa aperto ai più giovani, capaci di trasmettere emozioni e messaggi educativi ai loro stessi coetanei e, perché no, agli adulti spesso disattenti e incapaci di comprenderli a fondo.
La scrittura come un mondo magico, come scrigno da scoprire che ci aiuti a comunicare con i più giovani, attraverso di essi.
Anche il nome, “asInI volantI”, vuole essere un messaggio di speranza e di fiducia in quei bambini e in quelle bambine che nella scuola o in famiglia non vengono compresi a fondo.
Che pur avendo una grande vivacità cognitiva e un’ instancabile fantasia, vengono messi a tacere e non trovano lo spazio giusto per esprimersi, soprattutto perché oggi ognuno deve essere veloce, altamente competitivo, al passo con i tempi, senza dimostrare esitazioni sia davanti al gruppo dei pari che di fronte al mondo degli adulti che li osserva.
Chi è timido o solo un po’ lento, cosa dovrebbe fare?
Arrendersi già a partire dalla Scuola Primaria? O avere una speranza e trovare uno spazio capace di far crescere le proprie attitudini?
Una collana, gli “asInI volantI”, aperta a tutte le aspettative dei bambini, un laboratorio a tutto tondo che gli faccia crescere serenamente: senza essere sempre e solo giudicati, senza voti e senza tempi prestabiliti.”
Elisabetta Opasich ha specifiato che la collana avrà
4 Sezioni D’indagine:
“Giochiamo!” che vedrà lo sviluppo di discipline come la scrittura, la musica, l’arte, il teatro, il canto con la realizzazione di libri di facile consultazione per i genitori, per le scuole e per gli insegnanti che vogliono dare maggiore importanza a quelle attività che, nella scuola Primaria, non riescono ad avere pari dignità come le altre materie scolastiche, pur avendo un’importanza psicopedagogica fondamentale per la crescita di ogni bambino e bambina.
“GrammaticainFesta” elaborazione di storie fantastiche in grado però di spiegare, in modo spiritoso e divertente, la grammatica italiana come la punteggiatura, l’uso delle doppie, dell’accento… Perché è bello imparare giocando e divertendosi.
“InventoStorie” storie capaci di lasciare messaggi universali positivi, fondamentali per la crescita serena delle nuove generazioni, infondendo loro speranza e gioia di vivere.
“OfficinAperta” lascia piena autonomia di indagine ai bambini e alle bambine. In questo spazio potranno dare libero sfogo alla loro creatività, misurandosi esclusivamente con la curiosità, la fantasticheria e la lettura  del reale che li circonda. Un vero laboratorio che li lascerà sperimentare e  mettersi in gioco fino in fondo.

CONDIVIDI